26 Novembre 2022

ITALREPORT

Quotidiano on-line

2 min read

Ragusa. 27 ottobre 2022

Nell’ambito dell’attività volta a prevenire le condotte delittuose sull’intero territorio provinciale, personale della divisione anticrimine della Questura di Ragusa ha dato esecuzione, per la prima volta in provincia, al provvedimento adottato dal Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione, su proposta del Questore di Ragusa, con cui è stata disposta l’applicazione della sorveglianza speciale con l’impiego di strumenti elettronici.
Il destinatario della predetta misura ha assunto condotte intimidatorie e violente nei confronti della vittima, reiterate e idonee a cagionare un rilevante turbamento psicologico in quest’ultima. A queste si sono aggiunti comportamenti persecutori, a breve distanza tra loro e nei confronti di diversi soggetti, da cui si è desunta l’inclinazione a delinquere del predetto destinatario.
Sulla base dell’attività istruttoria posta in essere dal personale della polizia di Stato, volta ad accertare le condotte di coloro che siano dediti a commettere reati che offendono o mettono in pericolo la sicurezza e la tranquillità pubblica, il Tribunale di Catania ha accolto la proposta del Questore di Ragusa, disponendo la sorveglianza speciale, immediatamente eseguita dal personale della divisione anticrimine della Questura, con l’applicazione dello strumento di controllo del c.d. braccialetto elettronico, ritenuto idoneo nel caso concreto, relativamente alla particolare natura e al grado di pericolosità del destinatario.
Il dispositivo di sorveglianza in oggetto, rientrante tra le procedure di controllo a distanza mediante mezzi elettronici, si pone l’obiettivo di assicurare e rafforzare l’effettiva tutela dei soggetti esposti a pericoli. In particolare, si tratta di uno strumento tecnologico a disposizione del sistema Giustizia, nella forma innovativa della sorveglianza elettronica, volto a garantire una sinergia di risultati: offrire alle autorità competenti nuove opportunità e scelte di rimodulazione delle misure restrittive cautelari e alternative alla pena e fornire alternative pratiche di controllo avanzato, in risposta alle crescenti e diverse esigenze di tutela della sicurezza pubblica, per la cui garanzia la polizia di Stato si è sempre posta in prima linea.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share