2 Febbraio 2023

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Vittoria. Piaccia o no il viale rimane intitolato al colonnello Vito Andrea Iannizzotto.

3 min read

Vittoria. 04/12/2022
Se la sindacatura Aiello non ci avesse ormai abituato a non meravigliarci più di nulla, troverei quanto meno bizzarro, oltre che inopportuno, quello che sta accadendo a Vittoria, dopo che l’Amministrazione comunale ha stabilito di intitolare l’ex via forcone, al compianto colonnello Vito Andrea Iannizzotto, apprezzato e valoroso ufficiale dell’arma dei carabinieri, scomparso recentemente. Il colonnello, tra l’altro, era già cittadino insigne della nostra città, dove si era trasferito da Chiaramonte Gulfi, sua città natale, sin dall’età di 13 anni.
Un “professionista” della legalità, che nel suo percorso di vita militare, ha avuto riconoscimenti e onorificenze, per meriti.
Per farla breve, un uomo che per le sue qualità e le sue doti umane e professionali, ha meritato ciò che Vittoria gli ha riconosciuto.
Nonostante tutto questo, in quel quartiere: Forcone, nome che non risulta, sin dal 1818, essere stato deliberato da alcuna Giunta comunale, si è scatenata una vera e propria “rivolta” che fortunatamente viene portata avanti e fomentata, solo da pochissimi facinorosi, per rivendicare ricordi di un passato che andrebbe piuttosto dimenticato.
Inoltre, si legge in una nota pubblicata dall’On. Paolo Monello, storico e studioso di storia locale, che quel quartiere, nel 1980, venne denominato:Colledoro – Maritaggi e non Forcone, come rivendicano i “nostri” pochi nostalgici che, come riferito, vorrebbero lasciare credere che sono affezionati al nome. In verità non è così, si tratta solo di personaggi che non vogliono accettare che in quella zona non esistono solo fatti inquietanti che riguardano un passato abbastanza recente, ma esistono uomini e donne, che con il loro lavoro e la loro voglia di rinascita, hanno lottato e lottano per un cambiamento già in corso d’opera e che non sono legati e affezionati a nomi di strade insignificanti e, a volte, inappropriati. O forse vogliono opporsi ad una scelta dell’Amministrazione Aiello, che da più parti viene contrastata con ogni mezzo e,a volte, con argomenti che non trovano alcun senso logico o razionale. L’importante è opporsi e sputare veleno, probabilmente nella vana speranza che qualcuno butti la spugna. Ma torniamo a Forcone, c’è infatti qualcuno, che attribuisce il nome Forcone, ad un periodo della storia di Vittoria, peraltro sconosciuta, che farebbe supporre che in quel quartiere ci sarebbero state le forche. Sono pochi, ma tenaci coloro i quali stanno sostenendo questa battaglia senza senso e che si spingono fino al punto di coprire la targa con su scritto: viale col. Vito Andrea Iannizzotto, con un foglio A4 scritto a penna, in cui si legge: via Forcone.
Peccato che i pochi nostalgici del passato, siano rimasti isolati e che le loro rivendicazioni, non siano gradite dalla stragrande maggioranza di chi abita in quel quartiere, anzi, in viale col. Vito Andrea Iannizzotto.
Un quartiere dove esistono anche luoghi di accoglienza e aggregazione quali quello di don Beniamino Sacco, sacerdote di frontiera con un innato senso dell’altruismo e dell’accoglienza e farmacie, due, ma una in particolare, ormai storica, la farmacia Guastella, fortemente voluta dal compianto fondatore, Saro, scomparso a causa della pandemia, che ha voluto proprio lì, una struttura sanitaria, oggi punto di riferimento per migliaia di persone.
Chi volesse ancora strumentalizzare questa intitolazione di una strada e di un intero quartiere, è opportuno che prenda atto, di essere rimasto solo.
L’Amministrazione comunale non ha intenzione di cedere a pressioni inopportune e fuori luogo, pertanto mai tornerebbe indietro, nemmeno nelle decisioni assunte per i prossimi mesi, che verranno poste in essere, anche se dovesse rendersi necessario l’ausilio delle forze dell’ordine.
Ci si rassegni e nelle case degli abitanti del quartiere, si spalanchino le porte del cuore e della mente, a chi pur nella lontananza rimaneva legato alla sua casa e alla sua città ( Vito Andrea Iannizzotto abitava a 20 metri da piazza Cappellini).

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share