2 Settembre 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Acate. “Carnevale d’altri tempi”.

2 min read

Salvatore Cultraro, Acate (Rg), 9 febbraio 2021.-  Il Covid-19 ci ha ormai abituati, da circa un anno, per motivi di sicurezza, a vivere di ricordi, di fotografie e di video, tutto quello che ha rappresentato il nostro passato, legato a feste e tradizioni. Ha messo in aspettativa obbligatoria tutte le principali ricorrenza civili, folkloristiche e religiose, compresa la, Santa Pasqua ed il Santo Natale, e quest’anno tocca anche al Carnevale. Sfogliando un vecchio giornalino, “La Parola,  edito nel febbraio del 1985, dalla Parrocchia San Nicolò di Acate, abbiamo trovato una simpatica descrizione del Carnevale, riferita a parecchi anni addietro, si presume inizi anni ‘50. Un Carnevale caratterizzato dalla sua particolare, umiltà e semplicità, senza “Carri Allegorici”, Costumi costosissimi ed altro ma non per questo meno allegro e festoso. Bastava infatti qualche lenzuolo ed un po di fumo per mascherarsi e qualche “miniminagghia” per trascorrere serenamente ed in allegria, le serate carnevalesche. << Il nostro Carnevale non conta tradizioni gloriose- si legge nell’articoletto purtroppo  senza firma- esso ha rispecchiato sempre l’umiltà e la semplicità di spirito, propria dei nostri concittadini. Di sicuro era la festa più aspettata dell’anno, forse più del Natale e della Pasqua. Le settimane che lo precedevano venivano trascorse, in casa, attorno a “conca” a sentire “miniminagghi” e ad aspettare che qualche gruppo mascherato- in genere un lenzuolo e la faccia nera di “fumo di pignata” bussasse alla porta. Quando ciò avveniva era una esplosione di gioia; si faceva subito spazio e, a gara, guardando attentamente i piedi o stuzzicandoli a parlare, si cercava di riconoscere gli allegri ospiti. Al martedì, poi, c’era sempre qualcuno del popolo- quasi sempre uno che aveva tutti i numeri per essere un vero personaggio- che, “de scaluna” del Municipio dava sfogo alle sue geniali e poetiche composizioni per ridere grassamente di una categoria o di un tizio>>. “Con un po di pazienza- si legge ancora nell’articoletto- siamo riusciti a trovare qualcuna di queste poesie; felici ve le offriamo per regalarvi una risata e qualche momento di buonumore”:

U Mastru

D’ uuni passa nu mastricieddu

pari ca passa nu mazzamarieddu;

c’è na macchia di billimientu,

la cutola comu lu vientu;

veni u tiempu i pira e ficu

nun vi cuntu e nun vi ricu;

veni u tiempu i ficu pali

nun c’è na vota can un a ‘ntuppari;

a propositu di mastru Anto’

nu puorcu s’addubba e iddu no.

 

Albiru di cuccagna

Albiru di cuccagna

‘n manu di cu si statu:

cu picca si n’à pignatu

assai si n’a pintutu;

ma cu bbuonu ha rattatu

jargi e pansa s’à ncrassatu.

A chissi taliatili di cori

ca cco tantu rattari

su’ senza ugna ancora.

Cu trasi e trasi pensa ppa so panza;

nuddu addifenni a nostra causanza:

ognunu ca ccanza u sa vastuni

pensa sulu ppo sa cudduruni.

E a ccu votu cci ammu ratu

mancu na vota n’à pinsatu.

Quannu si finisci a maschittaria

mancu ppi…m’anu a ttia e a mmia.

***

Frivaru e frivarieddu

a vecchia si iardi u

rastieddu; cu appi luci

campau e cu appi

pani muriu.

***

Ppa Cannilora

a mmirnata è sciuta di fora!

***

Frivaru e frivarieddu

ogni tinta Jaddina fa

l’uvicieddu!

***

A carnivali ogni

schierzu vali e cu

s’affenni è maiali!

 

L’argintieri

N’argintieri cull’arti fina

sa chi diavulu cummina

U sapiti u so varagnu?

leva l’oru e minti u stagnu.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share