2 Settembre 2021

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Acate. Parrocchia San Nicolò, c’era una volta: “La Parola”.

4 min read

Salvatore Cultraro, Acate (Rg), 6 febbraio 2021.- Nel lontano mese di novembre del 1984 la parrocchia San Nicolò di Acate, decise di “dare alle stampe”, o meglio di dattiloscrivere e fotocopiare, un giornalino parrocchiale dal titolo “La Parola”, voluto dal parroco dell’epoca don Rosario Di Martino, unitamente ai sacerdoti che lo collaboravano. Una piacevole  e lodevole iniziativa nata quasi per gioco e protrattasi per parecchi anni fino a quando, il naturale trasferimento di alcuni sacerdoti, che erano un po le colonne portanti del giornalino ed altri fattori sopraggiunti, ne decretarono, purtroppo, la fine. La veste editoriale era molto semplice e umile. Lo si stampava in “economia” nel vero senso della parola. Le prime copie erano composte da appena due fogli A4 stampati su fronte e retro e spillati al centro. Negli anni successivi le pagine aumentarono di numero fino ad arrivare a circa 6, sempre in formato A4 piegato in 4 facciate, per un totale quindi di 24 pagine, con copertina in cartoncino sottile (per poter essere fotocopiato) a colori. Come accennavamo si trattava di una struttura semplicissima. I vari articoli e rubriche venivano dattiloscritti o addirittura scritti a mano con la penna, quindi ritagliati e fotocomposti sui fogli A4 che a loro volto venivano fotocopiati. Stesso discorso per le immagini, quasi sempre incomprensibili in quanto anch’esse fotocopiate, in bianco e nero naturalmente. Molte le rubriche, nonostante lo spazio limitato. Argomento prioritario di attualità in Prima Pagina; quindi una Pagina “aperta ai lettori”, quella della Catechesi, una dedicata al “Relax” con vignette umoristiche, giochi enigmistici ed altro; la pagina dedicata alla “famiglia” ed alle sue problematiche. Quindi notizie storiche sulla Antica “Biscari, ricette culinarie, poesie e l’Agenda Parrocchiale con il programma mensile delle varie attività, le notizie sulla Diocesi e l’immancabile elenco mensile dei cittadini defunti, dei matrimoni e delle nuove nascite. In complesso una impaginazione “rudimentale”, ma di tutto rispetto che tralasciava ben poco, pur nella ristrettezza dello spazio a disposizione e dei mezzi usati. Ma la cosa bella non era certo la qualità del “giornalino”, ma quello che rappresentava per l’intera comunità, che ne attendeva con piacere l’uscita ogni mese. Erano in tantissimi a sentirsi “responsabilizzati” nel preparare ogni numero mensile. Gli anziani, con le loro storie sul passato, gli storici locali con le loro ricerche, i bambini delle scuole con le loro genuine riflessioni, i giovani con l’esposizione delle problematiche del momento, le signore con le loro ricette culinarie e tanti altri collaboratori spontanei. Il giornalino, infatti, era aperto al contributo di tutti, era “La Parola” di tutti. Naturalmente anche io mi sono ritrovato coinvolto a questo indimenticabile “progetto”, grazie al caloroso invito del parroco don Rosario Di Martino. Invito che ho colto con estremo piacere proprio per la “bontà” del progetto ed il sano impiego del tempo libero. La “Redazione” era ubicata al piano alto della sacrestia. Una vera e propria “fucina” della cultura che ospitava un pò di tutto, compreso un attrezzato laboratorio fotografico, regno indiscusso del parroco. Subito dopo la Santa Messa serale ci riunivamo in questi locali, collaboratori, sacerdoti e parroco, ed iniziava un vero e proprio  “fermento” editoriale. Chi scriveva a macchina, chi ritagliava, chi incollava, chi fotocopiava, chi spillava le copie già complete. Il tutto tra una battuta e l’altra, tra una simpatica e salutare risata. E le ore trascorrevano piacevolmente senza che neanche ce ne accorgessimo. Spesso a lavoro serale completato, si concludeva la serata con una bella spaghettata, preparata nel cucinino degli alloggi situati sopra la sacrestia, accompagnata da un buon bicchiere di vino. A corredo di questa notizia, riportiamo alcune considerazioni sul giornalino,  “La Parola”, espresse da alcuni alunni della Scuola Media, “Volta” , sul N. 2 del giornalino, pubblicato il 2 dicembre 1984. “La pubblicazione del giornalino parrocchiale “La Parola” è stata per il nostro paese una cosa veramente interessante. Da tempo anche il nostro gruppo ACR aveva pensato di far pubblicare le nostre idee su un giornalino, ma per mancanza di mezzi non eravamo riusciti. Per il nostro paese e per coloro che non sono molto vicini alla Chiesa è una ottima iniziativa perché li porta a conoscere la Parola di Dio, le esigenze, le iniziative e i problemi della Parrocchia. Le pagine di pubblicazione hanno trattato argomenti molto importanti quali: la catechesi e la libertà…La cosa che ci è piaciuta di più è stata l’Agenda Parrocchiale che ci informa degli avvenimenti della Parrocchia (matrimoni, nascite, defunti,,,) Accanto agli argomenti seri e formativi viene sviluppato anche il lato umoristico. Chiudiamo la nostra riflessione con l’augurio che il giornalino nelle famiglie dove arriva venga letto attentamente e se ne comprenda l’importanza. (Debora e Cristina 3^ Media)”.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share