21 Novembre 2020

ITALREPORT

Quotidiano on-line

Anno 2020 – Covid – dolore morte e riflessioni.

4 min read

Vittoria. 21 novembre 2020
Un’altra giornata triste oggi, una giornata che sommata a quelle precedenti, dovrebbe fare riflettere molto sulle gioie e i dolori che la vita ci riserva.
Si allunga la lista dei morti a Vittoria, così come accade in tutta Italia e nel mondo, ovviamente il nostro provincialismo, il nostro essere tutti o quasi tutti conoscenti, ci induce a immedesimarci di più nelle tragedie che ci colpiscono. Oggi è stata la volta del dottore Rosario Guastella, un farmacista che da moltissimi anni gestiva la sua attività sanitaria a Forcone, dove per tutti non era “u dutturi” ma l’amico a cui rivolgersi per chiedere consigli. Ultimamente altri amici sono “partiti” per il viaggio che non consente di tornare indietro: Gianni Molè, l’amico e collega giornalista; Angelo Scuderi, un uomo mite di Scoglitti conosciuto da tutti; Tina Martorana, originaria di Roma ma da mezzo secolo residente a Vittoria, Gianni Russo, infermiere presso l’ospedale di Vittoria e tantissimi altri ancora, che hanno lasciato un grande vuoto intorno a chi rimane.
Spesso ci appelliamo all’atavica “credenza” che sia l’anno bisestile a produrre queste tragedie, come quella del Covid, che sta seminando milioni di vittime. Una sorta di scarica barile che ci induce, per convenienza, ad addebitare al destino cinico e crudele, tutto quello che accade.
Il destino ovviamente ha il suo peso, ma spesso il destino ce lo creiamo noi con i nostri modi di fare, i comportamenti, la spocchia con cui trattiamo determinati argomenti, anche quelli che sono causa di morte. In tutti i casi precedentemente da me citati, tutti e ribadisco, tutti, sono stati vittime del destino, nessuno di loro era negazionista, tutti rispettavano le misure di sicurezza previste, ma evidentemente il loro destino lo hanno stabilito altri, coloro i quali continuano a negare, seppur con la consapevolezza di essere soggetti positivi, escono, frequentano, girano, incontrano e lasciano dietro una scia di dolore e morte.
Solitamente quando scrivo, lo faccio con cognizione di causa, non lascio nulla al caso o alla fantasia. Cosa pensereste se vi raccontassi di due giovani in auto, presso i locali della fiera Emaia, che stavano effettuando i tamponi; uno positivo e l’altro no, che dopo l’esito, il positivo, mentre andava via ripeteva ad alta voce: -se e chi staiu a casa? –
Chissà quanti di questi sono in giro, chissà quanti si sono imbattuti casualmente nelle persone che sono morte o che adesso lottano con la morte, soli, in un reparto di ospedale dove altri uomini e altre donne, rischiano la vita propria e quella delle loro famiglie.
Il destino è stato crudele, poveretto, chissà come ha contratto il virus. Così lo ha contratto.
E ancora oggi, vedo in giro gente adulta con la mascherina al collo talmente sporca da fare venire il voltastomaco, che gira indisturbata “pretendendo” di varcare la soglia di farmacie, tabacchi, supermercati, mercerie, pescherie, macellerie e chi più ne ha più ne metta.
I morti sono morti, chi se ne frega, se li piangono i familiari, no, non è così, non può e non deve essere così, esiste una norma sin dalla prima fase della pandemia, che impone il fermo da parte dell’autorità giudiziaria, per chi, positivo, va in giro. Questo compito di controllo, l’Asp ha il dovere di svolgerlo e poi segnalare alle autorità competenti, naturalmente i controlli non possono essere affidati a medici e infermieri che già sono stremati, ma il personale amministrativo va utilizzato anche per questo.
Considerate questa mia affermazione, una pubblica denuncia, la prima, se non vedo risultati, tornerò alla carica.
Le riflessioni alla fine sono d’obbligo.
Spesso mi chiedo come sarà quando…non trovo risposte, da un po’ di tempo mi chiedo se indosserò un abito o se dovrò partire dentro un sacco verde, senza i familiari e gli amici, per chi crede, senza il passaggio da una chiesa e la santa benedizione.
Sembra strano, ma è così, ad una certa età questi pensieri sono sempre più frequenti, in tempo di Covid, anche l’abito è vietato, si sta da soli in ospedale, si soffre da soli, si muore da soli, si “parte” da soli.
Spetta a noi decidere se affidare al destino nostro o a quello che stabiliscono gli altri, la nostra permanenza, seppur breve, su questa terra.
Vi invito ancora una volta, l’ennesima, a mettere da parte l’arroganza, la tracotanza, la convinzione di essere immortali e indistruttibili, abbiate rispetto per gli altri, tutti dobbiamo morire, ma cerchiamo di arrivare al traguardo della vita serenamente e senza sofferenze atroci.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us:
Copyright ITALREPORT © All rights reserved - ItalReport è edito in Italia, iscritto nell’elenco stampa del Tribunale di Ragusa con il numero 03 del 2014 e ha come Direttore Responsabile Giovanni Di Gennaro. Per qualsiasi segnalazione, abuso o correzione di articoli contattaci: redazione@italreport.it | Newsphere by AF themes.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Follow by Email
LinkedIn
Share