Acate. “Gal-Valli del Golfo”. Presentata la Piattaforma Web al Castello di Acate.

Redazione Due, Acate (RG) 21 febbraio 2017.- Continuano con successo gli incontri del costituendo “Gal- Valli del Golfo” che vede impegnati i comuni di Acate, Vittoria, Gela e Comiso. Recentemente si è tenuto un altro importantissimo incontro presso la sala conferenze del Castello dei Principi di Biscari ad Acate. Si è trattato di un Workshop di presentazione della Piattaforma Web, “TakeOpps Opportunities” con rilevanti interventi da parte del Sindaco di Acate, Francesco Raffo e del Dottor. Giuseppe Di Dio, Direttore Tecnico del Cerisvi. “ L’aspetto più importante di questo progetto- ha sottolineato il sindaco Raffo in una nota- è il coinvolgimento delle associazioni di categoria le quali, unitamente ai rappresentanti dei quattro Comuni che aderiscono al Gal, stanno attivamente lavorando per ricercare ed individuare le potenziali peculiarità del nostro territorio.  Lodevole, inoltre, la partecipazione all’incontro al Castello di numerosi imprenditori acatesi, i quali avranno l’opportunità di diventare, anche loro, parte integrante di questo progetto innovativo dell’agricoltura, in piena sintonia con le finalità del Gal e con quanto espressamente voluto e richiesto dalla Comunità Europea”. “ Con il Gal- continua il primo cittadino-siamo già in una fase avanzata del progetto che ci permetterà di vivere, in tempi relativamente brevi, pagine nuove della storia e dell’economia delle nostre contrade, grazie anche a questa splendida ed innovativa Collaborazione tra più soggetti territoriali, veri protagonisti dell’economia, della produzione e del commercio dei nostri prodotti. Nel mio intervento, ho puntato molto sul problema ambientale, propedeutico all’altro grande tema che abbiamo affrontato, quello del turismo sostenibile. Grazie alle nostre eccellenze agroalimentari, ambientali, culturali e storiche, che possono veramente fare la differenza con altre realtà, possiamo facilmente coniugare  agricoltura competitiva e turismo sostenibile, puntando sulla valorizzazione di tutto ciò che già abbiamo. E’ indubbio che si deve puntare sulla diversificazione dell’offerta ed elaborare strategie economiche e imprenditoriali flessibili e coordinate, puntando sulla qualità e sull’innovazione sia nell’agricoltura e sia nel turismo sostenibile. Sono tematiche e sfide culturali e imprenditoriali nuove ma obbligate, se vogliamo uscire dalla storica arretratezza e scrivere una nuova grammatica di una politica che smetta di guardare al passato o di gestire senza idee il presente, rifugiandosi nel muro del pianto e nella cultura del lamento; oggi è il tempo del coraggio e dell’intelligenza, doti che il popolo siciliano ha. Bisogna solo metterci insieme, fare rete e sistema. E smetterla di restituire a Bruxelles  i Fondi europei destinati alla Sicilia”. “Dopo la mia esperienza di Marina di Ginosa e di Berlino- conclude il sindaco Raffo-mi sono ulteriormente convinto che la nostra salvezza è legata ai flussi finanziari dell’Europa, puntando  solo ed esclusivamente su agricoltura e turismo, l’unica chance per il futuro dei nostri giovani”.

 

Print Friendly, PDF & Email