OLIO DOP, NUOVO DISCIPLINARE

La bozza deI nuovo disciplinare di produzione dell’olio dovrà superare adesso l’esame della commissione europea. Dopo il via libera dell’assessorato e del ministero si attende l’ok della comunità europea. L’olio extravergine d’oliva dop Monti Iblei si arricchisce di nuove varietà per ampliare la produzione con la storica Zaituna e la Verdese che si vanno ad aggiungere al quelle già previste ovvero Tonda Iblea, Moresca, Nocellara Etnea, Biancolilla.

Nel nuovo disciplinare è previsto l’ampliamento delle aree di produzione da 38 comuni (che ricadono nel comprensorio della Sicilia sud orientale) a 40 comuni con l’inserimento di Scordia e Mirabella Imbaccari in provincia di Catania. Con il nuovo disciplinare, inoltre, verrà inserito tutto il territorio comunale di Avola e Carlentini nel versante sud della provincia di Siracusa.

“La modifica al disciplinare consente di ampliare, e di molto, l’area di produzione – spiega Pietro Miosi, dirigente dell’assessorato regionale all’agricoltura –con il Psr – piano di sviluppo rurale – abbiamo due misure importanti che sostiene i corsi di certificazione per i primi 5 anni ampliando la base produttiva. La misura 3.2 finanzia le attività di formazione e informazione d’olio Dop in ambito europeo. Diventa importante per le imprese avere una vetrina europea. Grazie ad un contributo a fondo perduto pari al 70 per cento. Questa è la vera scommessa per i nostri produttori di olio”.

L’ampliamento della zona di produzione dell’olio extravergine d’oliva secondo un cronoprogramma ben articolato. “Superata la fase preparatoria – precisa Antonella Di Gregorio, funzionario dell’assessorato regionale all’agricoltura – ci accingiamo ad un confronto costruttivo con i nostri produttori. Successivamente, come ultimo traguardo, sarà la commissione europea a dare il via libero definitivo”.

Print Friendly, PDF & Email