Progetto Agro: “Imprenditorialità agricola sostenibile per giovani lavoratori in Africa e in Europa”

RAGUSA –  Dopo il primo percorso di training svoltosi a Modica lo scorso luglio, sono proseguiti  in Camerun dal 2 al 6 Febbraio 2016, presso la città di Buea, i lavori del progetto AGRO Imprenditorialità agricola sostenibile per giovani lavoratori in Africa e in Europa”, finanziato nell’ambito del Programma ERASMUS Plus.

La delegazione italiana capeggiata dalla Svimed, capofila del progetto, ha visto in prima linea Emilia Arrabito e Federica Cossu, alla guida dei 5 partecipanti (Enrico Giurdanella, Marika Barone, Francesco Gneffe, Federico Basile, Simone Palazzolo), che hanno preso parte alla prima sessione svoltasi a Modica eh hanno proseguito il  percorso di training internazionale a Buea-Camerun, dove, oltre ai camerunensi, hanno incontrato altri giovani provenienti dal Ghana e Grecia. Il progetto, con capofila Svimed Centro EuroMediterraneo per lo Sviluppo Sostenibile Onlus (Ragusa) vuole  promuovere la cooperazione tra Europa e Africa nel settore della gioventù, per potenziare le competenze dei giovani lavoratori, al fine di aumentare l’occupazione nel settore agricolo, che rappresenta un grande potenziale per le economie dei Paesi partner.  Il progetto vede un partenariato composto da due associazioni africane (CCREAD Camerun e FILE Ghana, che promuovono la mobilità dei giovani in particolare nel settore dell’agricoltura),un’associazione italiana (Associazione Prism-Caltanissetta, esperti nella promozione internazionale sociale e scambi tra giovani) ed un’associazione greca (Action Synergy -Grecia, esperti nella progettazione dei moduli di formazione e-learning e ICT). In Camerun i partner del progetto si sono incontrati nel secondo transnational meeting per discutere l’andamento delle attività progettuali e per sviluppare il percorso di training on line, che inizierà nei prossimi mesi e che vedrà coinvolti docenti universitari, esperti/tecnici di settore, giovani che potranno approfondire le tematiche affrontate dal progetto. Per raggiungere gli obiettivi del progetto, che ha lo scopo di incrementare le conoscenze e le competenze dei giovani  e dei giovani lavoratori impegnati nel settore agricolo-agroindustriale, migliorare la qualità del lavoro giovanile, in questo secondo training sono stati approfonditi i temi legati alle coltivazioni tipiche del Camerun (come la cassava e il mais) e le attuali tecniche e tecnologie innovative adottate per migliorare la qualità ed incrementare le produzioni, anche in un’ottica di incremento delle esportazioni. Inoltre la delegazione internazionale dei partner e dei giovani partecipanti, prenderà parte ad alcune visite sul campo, presso aziende agricole camerunesi specializzate nella produzione delle tipiche coltivazioni.

Didascalia foto: delegazione Svimed Onlus in partenza per il Camerun con: Emilia Arrabito, Federica Cossu,Enrico Giurdanella, Marika Barone, Francesco Gneffe, Federico Basile, Simone Palazzolo.

Print Friendly, PDF & Email