Alternanza Scuola/lavoro: l’impegno del Cnf. Mascherin: “Una sfida da vincere”

Alternanza Scuola/lavoro: l’impegno del Consiglio nazionale forense. Il presidente Mascherin al ministero per la presentazione dei Campioni dell’alternanza: “Una sfida che non possiamo perdere”

ROMA – Giovedì 19 ottobre al Ministero dell’istruzione, università e ricerca, in occasione della presentazione dei dati sull’alternanza Scuola/Lavoro, con la partecipazione delle aziende – “I campioni” dell’alternanza” – che hanno aderito per prime al progetto, era presente anche il presidente del Consiglio nazionale forense, Andrea Mascherin. Il Cnf è infatti l’unico ordine professionale che, al momento, ha aderito all’iniziativa prevista dalla Buona scuola e che nell’ultimo anno ha portato 62mila studenti di tutta Italia a sperimentare l’alternanza.

Soddisfatto il presidente del Cnf Andrea Mascherin: “Siamo l’unica professione rappresentata. L’avvocatura è sempre stata vicina ai giovani, a livello locale, grazie ai consigli dell’Ordine. Ora siamo parte di un progetto più strutturato. Dobbiamo necessariamente portare nelle scuole i principi dei diritti fondamentali e del convivere civile, e diffondere i fondamenti della legalità. Siamo anche noi degli allenatori e vogliamo creare una squadra giovane ma competitiva. È una sfida che non possiamo né vogliamo perdere. Un grazie dunque – ha concluso Mascherin – alla ministra Stefania Giannini per la fiducia accordataci”.

Gli altri campioni dell’alternanza sono Accenture, Bosch, Coop, Dallara, Eni, Fondo Ambiente Italiano, Fca, General Electric, Hpe, Ibm, Intesa Sanpaolo, Loccioni, McDonald’s, Poste Italiane e Zara. “Con la riforma – ha sottolineato la ministra – abbiamo portato l’alternanza fuori dalla sperimentazione, trasformandola in una pratica strutturale per migliorare l’occupabilità dei nostri giovani e contrastare la disoccupazione e il fenomeno dei Neet”.

Print Friendly, PDF & Email