Anche in Italia “ICL EVO VISIAN”, il nuovo rivoluzionario impianto di lenti che cura la miopia

Torino, 14 settembre 2016 – La miopia è il difetto visivo più comune al mondo. Spesso associata all’astigmatismo provoca la visione sfocata e distorta degli oggetti lontani. In Italia ne soffre circa il 25% della popolazione. Un problema dunque comune ma non per questo meno importante. Le persone miopi provano costantemente il fastidio di dover ricorrere agli occhiali o alle lenti a contatto per evitare una visione sfocata nelle più comuni attività professionali e quotidiane: per la strada, a scuola, nella pratica sportiva, al cinema o alla guida. “La miopia – spiega infatti il dottor Alberto Bellone, oculista di Torino specializzato in chirurgia refrattiva e microchirurgia oculare – è normalmente corretta attraverso l’anteposizione di lenti sferiche di potenza negativa, secondo una modalità proporzionale all’entità del problema: più elevato è il difetto e più alto è il grado della correzione (il valore è espresso in diottrie)”. Sono molte tuttavia le persone che per esigenze professionali devono evitare gli occhiali o che non tollerano l’uso continuativo delle lenti a contatto. La soluzione è data dalla chirurgia refrattiva o dalla più innovativa tecnica di impianto di lenti ICL (Lente impiantabile Collamer®). “La differenza – prosegue Bellone – è sostanziale. Se gli interventi di chirurgia refrattiva Lasik o PRK sono procedure che sottraggono del tessuto, irreversibili (non si può cioè ritornare alla situazione precedente l’intervento), l’impianto di ICL EVO è invece una metodica di tipo additivo. Le lenti sono sempre rimovibili e il paziente può quindi, nel raro e sfortunato caso di necessità, ritornare alla situazione iniziale dopo averle rimosse”. Le lenti ICL EVO VISIAN sono inoltre realizzate in materiale biocompatibile che mantiene inalterata la composizione chimica dell’occhio ed elimina la fastidiosa “sindrome dell’occhio secco”. L’intervento di impianto di ICL EVO VISIAN è rapido e poco invasivo. Previa un’accurata visita oculistica per verificare se il paziente ha le caratteristiche giuste per beneficare al massimo dell’intervento, la procedura di inserimento avviene in day hospital, con sedazione locale in circa 30 minuti. “Risolutivo sia nei casi di miopia che astigmatismo – conclude Bellone – l’impianto di ICL EVO VISIAN è stato lungamente testato prima della messa in commercio. Ad oggi in tutto il mondo sono state impiantate più di 1.000.000 di lenti con un grado di soddisfazione post intervento del 99%”. Chi è Alberto Bellone (www.albertobellone.it). Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università di Torino nel 1996, ha conseguito l’abilitazione alla professione di medico chirurgo nel 1997 e si è specializzato in Oftalmologia all’Università di Torino nel 2000. Da anni si interessa di chirurgia refrattiva affinando le tecniche più moderne per il trattamento dei vizi di refrazione. Ha una notevole esperienza nella chirurgia conservativa del cheratocono e delle ectasie corneali con l’impianto di anelli corneali intrastromali (Keraring) e ha acquisito tecniche chirurgiche specifiche per il trattamento delle patologie vitreoretiniche. Riceve e opera in Lombardia e Piemonte.

Print Friendly, PDF & Email