Ragusa. Buona la prima, anzi, l’anteprima: Ieri la presentazione alla stampa del film “Il male necessario”

RAGUSA (RG) – Buona la prima, anzi, l’anteprima! Ieri sera al Masd di Ragusa la presentazione alla stampa e al cast del film “Il male necessario” dei registi ragusani Salvatore Dipasquale e Salvatore Provenzale. Dopo mesi di lavorazione e un’attesa crescente, sul grande schermo è stata proiettata la storia di Giulio Lo Magro, del suo rientro nella terra natìa a distanza di 40 anni, del suo dramma di bambino al quale vengono assassinati i genitori, delle indagini su una serie di strani delitti che solo apparentemente non hanno punti in comune.

Sullo sfondo di una Ragusa noir, dove tutto scorre tra il silenzio dei vicoli, i colori caldi dei palazzi nobiliari e la devozione verso il Santo Patrono, si intrecciano le vicende dei personaggi in un climax ascendente che porterà il protagonista a dover prendere una decisione: uccidere o morire. Un male necessario, pur di risolvere il caso e ottenere giustizia.

“Siamo molto contenti di questa serata – ha commentato il regista Salvatore Dipasquale, che continua – è stato un momento di condivisione di questo lavoro, che abbiamo portato avanti con persone davvero competenti e capaci. E’ un film che porteremo sempre nel cuore anche perché ci lega al maestro Perracchio, è stato un onore lavorare con lui ed è stato lui stesso a darci alcune dritte su come chiudere al meglio la storia. Bella l’atmosfera e positive le reazioni del pubblico, grande l’entusiasmo e molte le emozioni, sia durante che dopo la visione. Adesso, per domenica, l’augurio è di riuscire ad appassionare gli spettatori. Noi ci abbiamo messo l’anima, e speriamo che possa piacere davvero”

Sul palco, al termine della proiezione, è salito anche il maestro Peppe Arezzo, che ha curato la colonna sonora del film, incalzante e intensa al punto giusto, studiata apposta per sottolineare ogni scena e accompagnare lo spettatore verso quella suspence necessaria a fargli assaporare al meglio la trama. “Sono stati mesi di intenso lavoro – ha detto – ma che non hanno pesato perché svolto al fianco di due ragazzi carichi di passione che voglio oggi ringraziare. Ci hanno creduto, lo hanno voluto ed è stato bello collaborare con tutti loro. Il gruppo è diventato sempre più affiatato, siamo diventati una grande famiglia”.

Tra i protagonisti, nei panni della giornalista Monica Garofalo, l’attrice Carmen Frasca. Per lei si tratta del lavoro che sancisce il grande salto dal teatro al cinema. “Sarebbe riduttivo definire molto bella questa esperienza, direi fantastica e quasi inaspettata. All’inizio ero intimorita, perché era la mia prima volta in un cortometraggio, ma è stata un’esperienza formativa, che mi ha fatta crescere solo il profilo cinematografico, ho appreso delle cose nuove e mi ha migliorata sul lato umano, perché è nata una bella amicizia con tutti. Vedere sullo schermo il risultato finale, dopo tanti sacrifici e tanto lavoro, e sentire gli applausi del pubblico, sentire il loro calore e l’apprezzamento, è stato incredibile. Davvero una bellissima serata”.

Appuntamento con la prima ufficiale domenica 8 aprile, al cineteatro Don Bosco di Ragusa. Due le proiezioni, alle 18 e alle 20.

Print Friendly, PDF & Email