Acate. Circolo di Conversazione: “L’ultimo guardiano” e “La scrittura della morte”, di Nino Branchina e Francesco Alessandro Veutro.

Pietro Mezzasalma, Acate (Rg), 27 marzo 2015.- Il presidente del Circolo di Conversazione di piazza Libertà, Salvatore Cutraro, la referente culturale, Maria Teresa Carrubba, e i componenti del Direttivo, dopo aver reso la sala delle conferenze molto ospitale con un nuovo e moderno impianto di illuminazione, hanno organizzato, dopo il successo delle due serate dedicate alla donna, un altro evento culturale. Sabato 28 marzo, alle ore 19, infatti, saranno ospiti dello storico sodalizio, aperto ai soci nel 1838, gli scrittori Nino Branchina, che presenterà il suo libro “L’ultimo Guardiano” e Francesco Alessandro Veutro, che parlerà della sua opera, “La Scrittura della Morte”. Il responsabile del sodalizio Salvatore Cutraro introdurrà i lavori, la referente culturale Maria Teresa Carrubba, relazionerà sulle pubblicazioni e il giornalista Salvatore Cultraro coordinerà i vari interventi. Nino Branchina, vive a Catania, dove è nato nel 1967. Medico, ha sempre nutrito la passione per l’arte, in particolare per il disegno, la musica rock, i fumetti e i romanzi, soprattutto thriller e gialli. Per lui la scrittura è vita, un modo dinamico di esprimere e di comunicare con il mondo, traducendo in parole tutto un universo di immagini ed emozioni. “L’Ultimo Guardiano” è il suo secondo romanzo con la Leone Editore dopo “Lo strano caso di Kirby Logan”.
Francesco Alessandro Veutro, nato a Catania nel 1971, produttore musicale. Da sempre appassionato di ogni forma d’arte, letteratura e scenografia, vive nella sua Sicilia, dedicandosi alla scrittura e all’attività di informatico. “La scrittura della Morte” è il suo secondo romanzo con Leone Editore dopo, “Il Quinto Petalo”.

 

Print Friendly, PDF & Email