Acate. Giovanna Carbonaro e la sua passione per la poesia.

Redazione Due, Acate (Rg), 18 gennaio 2016.- Possiamo affermare senza ombra di dubbio che la “poesia” è stato il “primo amore” della sua vita. Il classico primo amore che non si dimentica mai. Stiamo parlando della giovane professoressa, Giovanna Carbonaro, originaria di Acate ma da tempo residente a Bologna, dove recentemente ha conseguito la laurea magistrale in Italianistica, Culture Europee e Scienze Linguistiche presso l’Alma Mater Studiorium a completamento della precedente laurea triennale in Lettere Moderne conseguita presso l’Università degli Studi di Catania. Ma la sua grande passione, fin da piccola, è stata sempre la “poesia”. Ha partecipato a diversi concorsi e premi letterari. Nel 2001 si è piazzata al quarto posto con la lirica in dialetto siciliano “U pararisu miu” alla quinta edizione del premio di poesia e narrativa “Scrittori in erba degli iblei”. L’anno successivo alla sesta edizione del medesimo concorso ha ricevuto una menzione speciale con la lirica “Addio ad un amico”. Nel 2005, invece, ha vinto il premio letterario nazionale “Ninfa Camarina” per la sezione giovani con la poesia in vernacolo “Terra antica”. Nel 2015, infine, ha pubblicato la sua tesi di laurea, “Il bell’Antonio. Tra romanzo e film”. Pubblichiamo, pertanto, di seguito due tra le sue più belle poesie dove emerge in modo travolgente il suo grande amore e legame per la propria terra: la Sicilia e la sua cittadina natia, Acate.

U pararisu miu  

 

Vischiri,u pararisu miu.

Quannu u suli ‘zicca a spuntari

tu pari un paisi divinu,

quannu u suli o vespiri cala

divienti ppittatu di rosa.

A tia riri San Vicinzuzzu

ca t’aiuta juornu e notti.

Ppi mia sini un paisi d’oru,

tranquillu,riccu e ridenti,

ccu pirsuni divoti e buoni.

Viri u mari azzurru e limpidu

e Mungibeddu ccu la nivi.

U Diriddu apparteni a ‘tia,

se nunn’è chiù chinu  d’anciddi

e nun vi scurri  chiu tant’acqua,

tu piensi a com’era prima,

piensi e t’arricrii u stissu.

Vischiri,tu si’ u paisi miu.

Terra antica   

 

O Sicilia,

terra antica,

arsa dò suli e dò vientu,

nasci ‘ntò mari azzurru

e finisci ccu lu cielu stiddatu.

Tu sini a nostra signura,

tu sini nostra matri…

 

O Sicilia,

terra dei patri antichi,

terra d’eroi,

matri d’uommini ranni sini tu,

uommini veri,

ca ccu la vita ficiru a storia,

a tò storia…

 

O Sicilia,

terra di meravigghia,

unni aria di puisia si respira,

l’oru di l’aranci

e u sciaviru do vinu

sunu a ricchezza tò…

 

O Sicilia,

terra di fuocu e di passioni,

sururi e sancu vagnarunu a terra tò,

tanti guerri ficiru ppì aviri attia,

tanti ti vulievunu distruggiri

e tanti muorsiru ppì difenniri attia,

ma tu sini ancora cca…

 

O Sicilia,

terra mia,

nenti e nissunu ti distruggerà,

sini protetta dò cielu

e u distinu eni ccù ‘tia,

vivrai ppì sempri,

acccùssì eni scrittu

pirchì tu ,

o Sicilia,

tu,sì terra antica…

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email