Acate. “Il Lavatoio di Contrada Canale”, alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

Redazione Due, Acate (Rg) 12 aprile 2016.- La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, rende onore a due storici acatesi, il professore Antonio Cammarana ed il cronista Salvatore Cultraro annoverando, nella sua prestigiosa sede di Piazza Cavalleggeri, e tra il suo immenso e prezioso patrimonio librario, un volumetto, o meglio “Quadernetto” come amano definirlo gli autori, edito dai due studiosi nel dicembre del 2013 dal titolo, “Il lavatoio di Contrada Canale: luogo di incontro e simbolo del duro lavoro quotidiano”. Si tratta di una accurata, dettagliata e documentata ricerca sull’antico Lavatoio sito nella vicina contrada “Canale”, un tempo cuore pulsante dell’antica Biscari (nome storico di Acate fino al 1938). “Lo studio monografico- tiene ad evidenziare il professore Cammarana- è documentazione d’epoca vagliata con il rigore dell’indagine metodologica volta a penetrare, all’interno del tempo storico esaminato, il mondo umano nella sua concreta e sofferente realtà esistenziale. E’, inoltre, punto di partenza di un progetto di rivalorizzazione e di salvaguardia di quei valori paesaggistici che rischiano di essere cancellati per sempre”. “E’, infine -conclude il professore Cammarana- uno strumento di cultura pluridirezionale, perché, attraverso un itinerario non solo storico, ma anche di forte valenza didattica, rivolto agli studiosi, ai giovani, agli appassionati di storia locale del nostro paese, consentirà il raggiungimento di obiettivi validi sul piano scolastico e l’assimilazione di conoscenze, che andando oltre l’utilizzazione immediata, costituiscono una solida base di conoscenze per il futuro”. Lo studio monografico di Cammarana e Cultraro vuole servire anche da stimolo per un eventuale rilancio dell’economia locale grazie all’incremento del turismo rurale, ripercorrendo i luoghi storici legati ad una cultura in via di estinzione, di cui resta solo la memoria fragile fissata ed affidata a qualche sbiadita foto o a qualche rudere.

Biblioteca Firenze

Print Friendly, PDF & Email