Ispica. Il 14 novembre primo sabato letterario del “Gruppo ispicese” del caffè Quasimodo

Il 14 novembre primo sabato letterario del “Gruppo ispicese” del caffè Quasimodo, dedicato alla presentazione di “una luce nel buio”, un volume sul tema della violenza sulle donne

Ispica, 10 novembre 2015 – Anche ad Ispica prendono il via gli appuntamenti culturali del Caffè Quasimodo di Modica. “Una luce nel buio”: la violenza sulle donne nelle foto di Tina Di Rosa e nei monologhi teatrali di Daniela Fava è infatti il tema al centro del I sabato letterario del “Gruppo di Ispica”, che si terrà sabato 14 novembre, alle ore 17,30 presso la Sala Giunta di Palazzo Bruno, nel quadro della stagione culturale 2015-2016.

Il tema è tratto dal testo teatrale di Daniela Fava, coordinatrice del gruppo ispicese, che verrà presentato da Romina Licciardi, Presidente Centro Servizi Donne di Ragusa, e dal Presidente del Caffè Letterario Quasimodo, Domenico Pisana.

Dopo il saluto del sindaco di Ispica, Pierenzo Muraglie, la serata, che sarà coordinata da Cristina Scucces, si snoderà in due interventi ed una lettura dei monologhi del libro a cura della Compagnia “Nuovo Teatro Popolare”, lettura che sarà accompagnata dalle note musicali del M° Lino Gatto, alla chitarra, e Daniele Ricca al violino.

Parte integrante dell’appuntamento sarà anche la mostra fotografica di Tina Di Rosa, ispirata al tema della violenza sulle donne e che si trova riportata, con un interessante reportage documentaristico, nel volume al centro della serata.

“L’argomento dedicato a questo primo sabato letterario – afferma Domenico Pisana – , è di grande attualità e mira a offrire una riflessione tra drammaturgia e fotografia sulla realtà della violenza alle donne, oggi divenute bersaglio non solo a livello fisico o sessuale ma anche morale e psicologico.

Femminismo, violenza, femminicidio, mobbing sono certamente fenomeni sociologici esistenti, ma spesso le coniazioni terminologiche che nel lessico mass-mediale trovano spazio abbondante, a volte deviante, finiscono per perpetuare quella distinzione tra il maschile e il femminile come di domini opposti per i quali bisogna operare sensibilizzazioni particolari. Ed ecco perché il teatro, la letteratura, la fotografia, che caratterizzeranno il tema di questo prima serata, sono strumenti che vogliono far comprendere, senza orpelli e pregiudizi, la dimensione veritativa della problematica. Colgo l’occasione per esprimere il mio ringraziamento al nuovo primo cittadino di Ispica, Pierenzo Muraglie, per la disponibilità data all’uso dei locali di Palazzo Bruno nonché a svolgere nella città, come già avvenuto con il suo predecessore Piero Rustico, gli incontri del Caffè Letterario Quasimodo”.

Print Friendly, PDF & Email