Modica. “Il condominio di Via della Notte”. Ultimo appuntamento della stagione letteraria. L’Italia populista e autoritaria in un futuro non molto irrealista

MODICA – Ultimo appuntamento venerdì 8 maggio alle ore 19.00 a Palazzo Sant’Anna con la stagione letteraria di “Cose di Sicilia nelle parole raccontate”. Nella sede dell’Ente Liceo Convitto, la scrittrice siciliana Maria Attanasio presenterà la sua ultima opera “Il condominio di Via della Notte” ed. Sellerio (anno 2013), € 14.
L’autrice ne parlerà con il critico Andrea Guastella.
L’opera esce fuori da canoni usuali ai quali ci ha abituati l’autrice di Caltagirone rimanendo fedele ad alcuni canoni come la lettura appassionante, ma in questo caso, contestualmente inquietante.
Narra di una società fondata su ordine e sicurezza sociale grazie ai rigidi controlli che sono operati sui singoli. Il racconto ci riserva un futuro non tanto lontano fatto di scenari psicologici apocalittici. Un omaggio alla tradizione distopica dei migliori Huxley e Orwell che offrono visioni mirabolanti ma anche molto pessimistiche sulla società che verrà.
In questo contesto si muovono i personaggi del libro: Rita Massa con il marito Professore Mauro Testa, Assia la figlia, Lucio, il compagno di Rita, Attilio Craverio il politologo.
Il marito un giorno all’improvviso scappa, abbandonando la moglie e la figlia. Rimasta sola Rita si scopre sola, incapace di affrontare la città, con il suo eccessivo razzismo e controllo, la privacy è completamente violata, mentre la figlia sempre più ribelle, appena maggiorenne, raggiunge il padre.
Rita, grazie ad un’eredità si trasferisce nella nuova casa insieme al nuovo compagno, un tenore, in un condominio in via della Notte. Qui vige un regolamento che non lascia spazio a interpretazioni, ferreo e rigido, scritto dal Capo condomino, il politologo ortodosso Attilio Craverio.
Il microcosmo condominiale presenta, riassunte ed esasperate, le caratteristiche del macrocosmo della città: diffidenza verso il diverso, paura generalizzata per il nuovo, ossessiva attenzione a tutto ciò che in qualche modo infranga lo status quo (anche solo un rumore di troppo).
Ed è in quest’ordine di cose che la protagonista trova la sua catarsi potendo liberare, grazie alla scrittura, il desiderio di potere narrare la sua storia, abbandonando lacci e lacciuoli che trattenevano i suoi sentimenti e le sue emozioni. Pur in questa condizione di sorvegliata, Rita non ha scelto la fuga, né con il marito prima, né con la figlia dopo, ma si rende conto di dover vivere in un mondo fatto di populismi e regole autoritarie.
Il condominio di Via della Notte è il libro del mese di agosto 2014 più votato dagli ascoltatori di Fahrenheit-Radio3 e ha partecipato alle votazioni per il libro dell’anno.

Aggiungi un evento gratuitamente e condividilo con gli oltre 8000 contatti di Italreport, clicca qui

Print Friendly, PDF & Email