Modica. Tonino Cannata nuovo soprintendente della Fondazione

Direttore artistico l’attore Carlo Cartier collaborato da Alessandro Romano

Nuovo organigramma nel settore artistico della Fondazione.

Modica, 10 dicembre 2015 – Il consiglio di amministrazione presieduto dal sindaco, Ignazio Abbate, ha indicato il nuovo soprintendente nella persona di signor Tonino Cannata, conosciuto al pubblico come il coordinatore delle mostre relative all’antologica di Piero Guccione e a quella di prossima inaugurazione di Giuseppe Colombo.

Direttore artistico è stato indicato Carlo Cartier, attore, registra e protagonista di film e di fiction. Ricordiamo tra le sue apparizioni quella di “Kaos” dei fratelli Taviani e poi in televisione con Distretto di polizia (2000), Il maresciallo Rocca 4 (2003) , Madre Teresa (2003), Un posto al sole (2004), Giovanni Falcone, l’uomo che sfidò Cosa Nostra (2006), La freccia nera (2006), Era mio fratello (2007), Il capo dei capi (2007), Gente di mare (2007) , Il commissario De Luca (2008), Paolo VI Il Papa nella tempesta (2008), La Nuova Squadra 2 (2010), Squadra antimafia (2011).

Con Carlo Cartier collaborerà l’attore modicano Alessandro Romano, che si occuperà del rapporto con le compagnie locali, le scuole e la promozione del teatro tra i giovani.

Molti gli spettacoli di successo che hanno visto Alessandro Romano come protagonista: uno su tutti è Terra Matta di e con Vincenzo Pirrotta.

Ha partecipato a parecchie stagioni di spettacoli classici all’Inda di Siracusa.

E’ stato in scena, infatti, al Teatro greco di Siracusa, recitando sia nel coro dell’”Edipo re”, sia nel ruolo di Cremete ne “Le donne al Parlamento”.

“Le nomine del cda della Fondazione, dichiara il sindaco, sono in perfetta coerenza con i progetti che abbiamo delineato e per i quali si faranno carico queste buone risorse artistiche locali che avranno tempo, voglia e passione per dedicarsi sia alla stagione teatrale, sia al rilancio delle attività artistiche connesse alla vita stessa del Teatro e soprattutto ad una gestione amministrativa più serena e adeguata ad accettare le sfide che abbiamo davanti.

Intendiamo continuare a tenere alta l’offerta culturale della Fondazione per la quale intendo ringraziare sia il direttore artistico uscente, l’attore Andrea Giordana, con il quale ho avuto un dialogo telefonico che la ex soprintendente Simona Celi, per l’attività svolta in favore della stessa Fondazione, del Teatro e della città tutta.”

Print Friendly, PDF & Email