Credito d’imposta: premio alla #Ricerca sopra i 30 mila euro

dal sito della Senatrice Rosa Maria Di Giorgi

La legge di stabilità per il 2015, approvata lo scorso dicembre 2014, introduce all’articolo 7 un credito d’imposta a sostegno delle attività di ricerca e sviluppo (R&S) poste in essere dai soggetti d’impresa.

Il credito d’imposta è attribuibile a tutti i titolari di reddito d’impresa, senza alcun vincolo di fatturato, di settore economico o di regime contabile adottato. Le modalità di determinazione sono individuate dallo stesso legislatore, il quale riconosce un credito d’imposta pari al 25% degli incrementi annuali di spesa nel settore di R&S, sostenuti rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nei tre periodi di imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2015.

Il legislatore dà inoltre, al comma 4, una puntuale definizione della spesa in R&S, che comprende non solo i lavori sperimentali o teorici svolti, ma anche la ricerca pianificata e l’acquisizione di conoscenze tecnologiche. Il totale degli investimenti in R&S realizzati nell’esercizio agevolato non può essere inferiore a 30 mila euro. La norma fissa poi un tetto massimo di cinque milioni di euro di godimento annuo dell’agevolazione.

La percentuale di credito sale, come indicato al comma 7, al 50% per gli investimenti effettuati con università, centri di ricerca e startup e per il personale altamente qualificato (dottori di ricerca o con laurea magistrale in discipline tecniche) impegnato nell’attività di R&S. Il credito dovrà essere indicato nel modello Unico e non concorre alla formazione del reddito né della base imponibile dell’Irap, ma sarà utilizzabile esclusivamente in compensazione.

Clicca qui per leggere il testo della Legge di Stabilità 2015

Print Friendly, PDF & Email