Confindustria: tassi di interesse ai fini della legge sull’usura

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) ha reso noti, con decreto del 30 settembre 2014, i tassi di interesse effettivi globali medi (TEGM) in vigore per il periodo 1° ottobre – 31 dicembre 2014, ai sensi della legge sull’usura (Legge 108/96).
Il decreto indica – afferma la Confindustria – i tassi soglia oltre i quali gli interessi sono considerati usurari. Si ricorda che tali soglie sono calcolate aumentando il TEGM di un quarto e aggiungendo un margine di ulteriori quattro punti percentuali. La differenza tra il tasso soglia e il tasso medio non può essere superiore a otto punti percentuali.
I TEGM sono rilevati dalla Banca d’Italia – attraverso un’indagine trimestrale che interessa l’intero sistema bancario e il complesso degli intermediari finanziari – per categorie omogenee di operazioni tenuto conto della natura, dell’importo, dell’oggetto, della durata, dei rischi e delle garanzie delle stesse“.
Si segnala – scrive Confindustria – che il MEF, come previsto dall’articolo 2 della legge 108/1996, ha tenuto conto delle decisioni di politica monetaria assunte dalla BCE apportando ai TEGM rilevati una correzione al ribasso pari alla media delle variazioni del tasso BCE negli ultimi due trimestri (-10 punti base).
La classificazione delle categorie di operazioni è stata definita dal recente decreto MEF del 29 settembre 2014 (che non presenta modifiche rispetto al precedente decreto del 23 settembre 2013)“.

Print Friendly, PDF & Email