Edilizia, Ance: una vera e propria Caporetto. Settore ancora al collasso

60 mila posti di lavoro persi, oltre 15 mila imprese fallite e produzione calata dell’1,1% solo nei primi mesi del 2014. Nessun altro settore peggio di così

Roma, 2 dic 2014 – “L’edilizia italiana non vede la luce, i dati Istat su Pil e occupazione nel settore mostrano che è la crisi del settore delle costruzioni a trascinare sul fondo l’economia del Paese”. Il presidente dell’Ance, Paolo Buzzetti, commenta così i dati diffusi dall’Istat sull’andamento dell’economia nazionale.
Una vera e propria Caporetto, con 60 mila posti di lavoro persi nell’ultimo anno e un calo della produzione dell’1,1%, senza contare le oltre 15 mila imprese  edili fallite solo nei primi sei mesi di quest’anno” continua Buzzetti “nessun altro comparto industriale ha fatto peggio.
Non possiamo permetterci di perdere altro tempo. Soprattutto bisogna evitare passi falsi come sarebbe l’introduzione della local tax sull’invenduto, che penalizzerebbe ulteriormente le imprese già pesantemente segnate dalla crisi”.
Per invertire la rotta serve una politica più coraggiosa sia a livello nazionale che europeo”, conclude Buzzetti, “il cui primo obiettivo sia tornare a investire per la messa in sicurezza del territorio e delle scuole, la riqualificazione delle periferie e il completamento delle infrastrutture di collegamento.

Print Friendly, PDF & Email