Ismea: Meno 5,5% i prezzi agricoli nel 2014

A frenare sono soprattutto le quotazioni di vini, semi di soia e prodotti ortofrutticoli

Roma, 20 gennaio 2015 – I prezzi agricoli in Italia hanno fatto segnare, nel 2014, una riduzione del 5,5% rispetto all’anno precedente, determinata da flessioni dell’8,5% nel comparto delle coltivazioni vegetali e del 2,3% nell’aggregato zootecnico. È quanto emerge dall’indice dei prezzi all’origine dei prodotti agricoli elaborato dall’Ismea che, nell’anno appena trascorso, si è attestato mediamente a 113,6 (l’indice è calcolato in base 2010=100).
Tra le colture vegetali le maggiori riduzioni si riscontrano per i vini, con un meno 14% rispetto ai valori elevati del 2013, e per i semi di soia (-17,7%). Il consuntivo d’annata segnala anche una forte flessione dei prezzi per ortaggi e frutta, rispettivamente del 13,3% e dell’11,9% sul 2013, penalizzati dai surplus produttivi e dalla debolezza dei consumi finali.
Negativo anche il bilancio dei cereali (-3,2%). In questo caso l’indice Ismea riflette andamenti contrapposti, con i prezzi di grano duro e risone in crescita del 12 e del 18,3 per cento, e con frumento tenero e mais in flessione dell’11,6% e del 17,6%. Gli oli di oliva archiviano il 2014 con un balzo in avanti del 14,2%, confermando il trend al rialzo del 2013.
Nel settore zootecnico le rilevazioni dell’Ismea indicano, nella media del 2014, una dinamica leggermente positiva per l’insieme dei lattiero-caseari (+0,4%), ascrivibile a un recupero delle quotazioni del latte vaccino e a un buon andamento dei formaggi, tra fusi, molli e semiduri. Flettono al contrario i listini del burro (-11,2%) e dei formaggi grana. Solo il Pecorino romano aumenta di oltre il 30% rispetto al 2013, di riflesso a un forte calo dell’offerta registrata nel corso dell’anno.
Relativamente al bestiame vivo (-4,3% nella media del 2014), si riscontrano riduzioni generalizzate, con variazioni comprese tra il meno 6,6% degli avicoli e il meno 1,6% di ovi-caprini e suini. A motivare i ribassi sono state soprattutto le pressioni competitive dall’estero e la stagnazione dei consumi interni di carni. Negativo anche il dato delle uova, che hanno ceduto in media il 5,8%.
L’ultimo aggiornamento dell’indice, relativo al mese di dicembre, mostra rispetto a novembre una diminuzione dei prezzi agricoli dell’1,8%, più marcata per le coltivazioni (-3,4%) rispetto all’aggregato zootecnico (-0,2%). Su base annua i prezzi agricoli mostrano in media un differenziale negativo del 4,6%: cedono, rispetto a dicembre 2013, lo 0,6% le produzioni vegetali e il 9,1% quelle animali.

Print Friendly, PDF & Email