L’Anc di Ragusa sollecita la semplificazione fiscale

Ragusa, 26 novembre 2014 – Quante sono le tasse che gravano sui contribuenti? Qualcuno le ha contate rilevandone circa un centinaio. Tra addizionali, bolli, canoni, cedolare, concessioni, contributi, diritti, imposte, maggiorazioni, ritenute, sovraimposte, tasse e tributi di vario tipo, le imprese sono chiamate a pagare una volta ogni due giorni. Non va meglio alle famiglie che devono, per tutto l’anno, versare, spesso in maniera inconsapevole, una serie di balzelli alcuni dei quali risultano quantomeno curiosi come quella sull’aria e sull’ombra. Per non parlare della tassa di scopo, definita volta per volta dal legislatore a seconda delle necessità contingenti. Nonostante siano numerose e molto tra queste siano ignote ai più, il gettito si concentra su un decimo dei balzelli. Irpef, Iva, Ires, Irap, imposta sugli oli minerali, Imu, imposta sui tabacchi, addizionale Irpef regionale, ritenute sugli interessi e altri redditi da capitale e l’imposta sul lotto sono le 10 tasse che hanno garantito nel 2013 oltre l’83 per cento del gettito tributario. E per il 2014, tra imposte e tributi, lo Stato e le Autonomie locali incasseranno qualcosa come 487,5 miliardi di euro. A questi vanno aggiunti i contributi sociali, pari a poco più di 216 miliardi: per cui quest’anno il gettito complessivo sfiorerà i 704 miliardi di euro. Ma non è possibile fare nulla per rendere questo quadro così complesso più semplice, più praticabile per i contribuenti? E’ l’interrogativo che si è posto il coordinamento siciliano delle associazioni dei commercialisti che ha promosso, per venerdì 28 novembre, a Pergusa-Enna, un convegno a carattere regionale avente per tema “Prospettive di semplificazione. I commercialisti per le giuste esigenze di cittadini e imprese”. Un convegno a cui arriverà il forte contributo, assieme alla partecipazione convinta, dell’Anc di Ragusa oltre che delle sedi di Agrigento, Messina, Nicosia-Enna, Siracusa, Trapani, assieme all’Unione italiana commercialisti di Catania e all’Unagraco di Palermo. “Ci confronteremo – dice il presidente Anc di Ragusa, Antonietta Laterra – con gli esperti di settore e con i rappresentanti della politica per individuare, tutti assieme, una strada percorribile che garantisca quella semplificazione a parole auspicata da tutti ma nei fatti mai concretizzata”. Tra le presenze previste quella del presidente della Regione, Rosario Crocetta, e del presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone. I lavori si terranno a partire dalle 9,30 all’Hotel Riviera. Ad intervenire sul tema il direttore regionale dell’Agenzia delle entrate Sicilia, Antonino Gentile. Numerosi i relatori che si avvicenderanno nel corso della giornata. Sono altresì previste due tavole rotonde: una a partire dalle 11,15, moderata da Tonino Morina de “Il Sole 24 ore” sul tema “La volontà della politica”; l’altra dalle 15,30, moderata da Simona D’Alessio di “Italia Oggi”, che invece parlerà de “Il commercialista domani…dove eravamo arrivati”.

Il presidente Anc Ragusa Antonietta Laterra
Antonietta Laterra, presidente Anc Rg
Print Friendly, PDF & Email