L’assessore regionale all’Agricoltura domani a Chiaramonte Gulfi

Chiaramonte Gulfi, 18 dicembre 2014 – Il gotha dell’assessorato regionale Agricoltura e Sviluppo rurale sarà domani a Chiaramonte Gulfi per partecipare al convegno su “L’esperienza del gruppo di azione locale (Gal) Natiblei e la nuova programmazione 2014-2020” che si terrà all’hotel Antica Stazione di contrada Santissimo a partire dalle 17. Infatti, oltre all’assessore regionale Nino Caleca, ci saranno anche Rosaria Barresi, dirigente generale, Fabrizio Viola, dirigente del servizio IV, e Santi D’Alessandro, dirigente Uo 22, attuazione dei piani di sviluppo locale, tutti dello stesso assessorato. L’occasione sarà utile, considerata la presenza dei beneficiari del piano di sviluppo locale Natiblei che porteranno le proprie testimonianze imprenditoriali, per un confronto puntuale sul futuro e, soprattutto, sulle opportunità fornite dalla nuova programmazione. Ci sarà anche Placido Rapisarda, presidente Coreras, che parlerà di “Vetrine promozionali”. I lavori saranno aperti dai saluti dei sindaci di Chiaramonte, Vito Fornaro, di Monterosso, Paolo Buscema, e di Giarratana, Lino Giaquinta. Interverrà Concetta Pizzo, dirigente Soat di Palazzolo Acreide. Le relazioni introduttive saranno curate da Giovanni Castello, presidente del Gruppo di azione locale (Gal) Natiblei che si occuperà di illustrare “La multifunzionalità dell’impresa agricola”, e da Paolo Amenta, vicepresidente Anci Sicilia, che invece approfondirà il tema dei “Sistemi locali di sviluppo in rete”. In scaletta, inoltre, gli interventi programmati di Sebastiano Di Mauro, direttore del Gal Natiblei, sui “Piani di sviluppo partecipati e cooperazione”, Alessandro Ficile, presidente dell’Agenzia di sviluppo Sosvima, che si soffermerà sulle “Buone pratiche nelle città-territorio e a rete in Sicilia” e di Giuseppe Taglia, dirigente Soat Siracusa, che si occuperà di affrontare il tema legato a “L’esperienza di animazione territoriale Iblei in rete”. “Un momento di strategico confronto – dicono i sindaci Fornaro, Buscema e Giaquinta – che ci permetterà di comprendere come e quale l’evoluzione su cui deve indirizzarsi l’agricoltura dei centri montani anche con l’eventuale supporto dei fondi Ue”. Vale la pena di ricordare che il territorio dei Comuni di Chiaramonte Gulfi, Giarratana e Monterosso Almo, assieme a quello di Licodia Eubea, Militello Val di Catania, Scordia, Vizzini, Buccheri, Buscemi, Carlentini, Cassaro, Ferla, Francofonte, Palazzolo Acreide e Sortino, è stato individuato come “Nucleo di aggregazione territoriale” in cui realizzare il Piano di sviluppo locale finanziato dal Psr 2007-2013. E’ stato attivato, nel corso di questi anni, un processo di sviluppo comune fra le aree del Val D’Anapo, del Leontinoi, del Ducezio e dell’alto Ragusano. Per questo motivo, è stato costituito il Gruppo di azione locale Natiblei.

 

Print Friendly, PDF & Email