Pil/Ocse piccola revisione al rialzo per l’Italia: +0,2% nel 2015 e +1% nel 2016

confesercenti

Diffuse le nuove stime provvisorie sulla crescita, Italia penultima fra i Paesi del G20

Roma, 6 novembre 2014 – Piccola revisione in rialzo delle previsioni di crescita economica dell’Italia sul prossimo anno da parte dell’Ocse: il Pil aumenterà dello 0,2 per cento, mentre nel 2016 la crescita segnerà una accelerazione al più 1 per cento. Il dato 2015 è marginalmente migliore del più 0,1 per cento indicato nell’ultimo aggiornamento di interim dell’ente parigino, pubblicato lo scorso 15 settembre, ed è stato inserito in un rapporto pubblicato in vista del G20 in Australia tra leader mondiali.

Tuttavia, interpellati su queste cifre, dall’Ocse precisano che devono intendersi come provvisorie, e che le previsoni definitive dell’imminente Economic Outlook, che verrà pubblicato il 26 novembre, potrebbero risultare leggermente diverse. Verranno chiuse quando saranno stati pubblicati i dati aggiornati sulla crescita del terzo trimestre da parte degli enti di statistica nazionali. Ad ogni modo per l’Italia tra 0,1 e 0,2 per cento cambia poco: sul 2015 “la tendenza è quella”, affermano dall’Ocse.

Peraltro, anche con questa marginale revisione al rialzo, sul 2015 la crescita dell’Italia risulta la penultima tra i Paesi del G20, su cui l’Ocse ha fornito queste stime. Peggio farà solo la Russia, con un economia piatta, mentre all’opposto la crescita più sostenuta sarà nuovamente quella della Cina, al più 7,1 per cento.

Nel biennio 2015-2016 la crescita del Pil dell’Italia sara’ la piu’ bassa del G20, attestandosi a +0,2% il prossimo anno e +1,0% nel 2016. E’ quanto emerge dall’Economic Outlook G20 dell’OCSE, appena presentato. Anche la Russia, che il prossimo anno dovrebbe vedere una crescita zero del suo Pil, nel 2016 dovrebbe mettere a segno un netto rimbalzo al +2,0%. In cima alla classifica la Cina con +7,1% nel 2015 e +6,9% l’anno seguente.

Print Friendly, PDF & Email