Tradeit marketplace: ricerca e innovazione nel settore agroalimentare

vincenzo iozzia

Nel periodo 2014 – 2020, l’Italia gestirà circa 50 programmi operative nel quadro della politica di coesione dell’Unione Europea. Tale proposta, come pure i programmi nazionali, è tuttora oggetto di trattative e dovrebbe essere confermata nel corso della prima metà del 2014

TRADEIT Marketplace, progetto finanziato con i fondi UE, è una “comunità imprenditoriale” ed un portale tecnologico online che si rivolge a chi opera nel settore agroalimentare tradizionale con la finalità di facilitare le attività online di networking, sviluppo dell’attività, acquisizione di tecnologia ed intermediazione.
Una delle principali attività del progetto TRADEIT è il trasferimento di tecnologie e conoscenze dai poli di innovazione e dai ricercatori ai produttori di alimenti tradizionali. Si tratta di “fare rete”, collegando migliaia di produttori alimentari di piccole e medie dimensioni alle Università ed Istituti di ricerca.
TRADEIT è, dunque, alla ricerca di soggetti del mondo dell’imprenditoria, ricerca o innovazione, che possano fornire tecnologie, idee innovatrici, soluzioni alle problematiche del settore agroalimentare tradizionale ed opportunità di collaborazione nel campo della produzione di alimenti.
TRADEIT, inoltre, organizza eventi di intermediazione che illustrano le tecnologie disponibili in 6 aree chiave (settore caseario, industria delle carni, prodotti da forno, sostenibilità, imballaggio e sicurezza alimentare) e, in parallelo, vengono previsti incontri tra aziende, fornitori di tecnologia e ricercatori in grado di contribuire allo sviluppo delle attività di chi opera nel settore agroalimentare.
Per partecipare al progetto bisogna:

  • registrarsi sul portale: https://marketplace.tradeitnetwork.eu/emarket !
  • Sviluppare un profilo pubblico,
  • caricare offerte relative a tecnologie e attività commerciali,
  • inviare richieste di supporto.

Inoltre, i consulenti regionali di TRADEIT monitorano gli scambi per facilitare lo sviluppo delle partnership e permettere agli utenti di capitalizzare le opportunità.

Print Friendly, PDF & Email