Vittoria. CNA: “Rilanciare comparto costruzioni. La nostra proposta ai candidati a sindaco”

La Cna territoriale di Vittoria presenta una proposta ai candidati a sindaco sul settore delle costruzioni: “Basta con il consumo di suolo. Pensiamo al recupero e al miglioramento qualitativo del patrimonio edilizio”

VITTORIA – A breve Vittoria avrà un nuovo Consiglio comunale, un nuovo sindaco e una nuova giunta. A questi spetterà il compito di amministrare il territorio e supportare le imprese a uscire fuori da una crisi economica che da anni coinvolge la città. Quando questa crisi finirà, nulla sarà più come prima ed è pertanto utile avviare nuovi modelli organizzativi dell’ente. Imprese e cittadini non possono più sostenere le conseguenze del “non cambiamento”. La nuova Amministrazione su questo si dovrà impegnare in modo molto chiaro. Ecco perché la Cna territoriale, con in testa il presidente Giuseppe La Terra e il responsabile organizzativo, Giorgio Stracquadanio, intendono proporre ai candidati a sindaco una prima scheda. “Iniziamo – dicono i due vertici dell’associazione di categoria – dal settore costruzioni, un comparto economico importante, che muove buona parte della nostra economia. Su oltre 900 imprese artigiane attive in città, circa 600 appartengono al comparto delle costruzioni (edilizia, impiantistica e arredo). E’ stata elaborata una proposta che gli artigiani del comparto ritengono prioritaria per il rilancio del settore in città. L’idea è quella di ridurre i contributi sugli oneri di urbanizzazione attraverso alcune misure a favore dell’edilizia sostenibile, della trasformazione degli edifici esistenti, dell’insediamento di attività economiche, e dell’innovazione. Si tratta di una prima proposta che guarda sia al rilancio ma anche al miglioramento qualitativo del patrimonio edilizio che questa città ha, senza per forza consumare altro suolo. Una posizione in linea con le normative europee, nazionali e regionali che la Cna, a vari livelli, ha subito sostenuto”.

Print Friendly, PDF & Email