CARIGE. Bravo Governo: le Banche non possono fallire. Dalla FABI giudizio positivo.

La decisione adottata dal Governo presieduto dal Prof. Giuseppe Conte ieri sera ha adottato un provvedimento che tranquillizza i lavoratori ed i clienti della Banca Carige. L’Azienda di credito sarà ricapitalizzata e in caso di necessità verrà comprata dallo Stato. Se detta decisione viene vista in contrasto con quanto affermato dalla forze politiche governative in campagna elettorale c’è da affermare che una cosa è stare all’opposizione e poi essere chiamati a reggere le sorti della Nazione.
Se una Banca dovesse andare in default ci sarebbero serie conseguenze per i lavoratori coinvolti, per la clientela e si creerebbe un forte panico tra la Gente che non affiderebbe più i propri risparmi alle Aziende di Credito e forse neanche agli Uffici Postali.
Il Segretario Generale della FABI, sindacato maggiormente rappresentativo del settore credito ha dato un giudizio positivo dichiarando all’ANSA: – ROMA, 8 GEN – “L’intervento del governo, che reputo positivo, serve a tranquillizzare il mercato e i clienti della banca: in caso di necessita’, Carige sara’ ricapitalizzata e quindi comprata dallo Stato”. Lo dichiara il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, commentando il decreto approvato ieri sera dal consiglio dei ministri. “E’ una sorta di piano B, sia per prendere tempo sia per dimostrare che la banca non e’ sola. Un piano B da far scattare solo se non andra’ in porto la ricerca di un partner, da parte dei commissari straordinari, nell’ottica della fusione auspicata anche dalle autorita’ di vigilanza”.

Print Friendly, PDF & Email