Formazione Professionale. Sospensione personale in servizio impiegato nel Piano Giovani

Il giorno 24 settembre 2014 presso la sede operativa di Forma Sicilia si sono incontrati i Rappresentanti Legali degli Enti Gestori dei Servizi e degli Interventi Formativi operanti nel territorio della Regione Siciliana associati a Forma Sicilia, Cenfop, Assoform, Asef e Anfop. L’incontro ha avuto come tema principale i provvedimenti da assumere alla luce dei ritardi ormai ingiustificabili con i quali la crisi del comparto più volte denunciata ha assunto ormai i contorni della irreversibilità.
Tutte le procedure e la tempistica prevista dagli Avvisi, dai piani e dagli atti di programmazione e da ultimo lo stesso Accordo siglato il 5 Agosto 2014 (oggetto della delibera di Giunta n. 250) lungi dal comportare l’assunzione di atti giuridicamente vincolanti, lasciano invece prefigurare una prassi dilatoria con cui gli Enti non potranno che assumere ulteriori obbligazioni, a fronte delle mancate erogazioni, principalmente con i lavoratori, che sono ormai stremati da oltre due anni di ritardi di mancate retribuzioni.
Gli Enti Gestori, anche alla luce dei gravissimi fatti di ieri, con alcuni lavoratori che hanno minacciato il suicidio, hanno assunto la determinazione di procedere alla sospensione di tutto il personale oggi in servizio impiegato nel prosieguo dell’Avviso 20/2011 e del Piano Giovani.
Gli Enti Gestori intendono fare ricorso agli istituti di sostegno al reddito prevedendo la richiesta di Cassa Integrazione Guadagni in deroga a rotazione, per consentire il completamento delle attività a valere del Piano Giovani Prima Annualità.
Rimane confermato quanto assunto nella riunione del 16/09/2014 ai fini della proclamazione dello stato di crisi e delle consequenziali procedure di sospensione e/o risoluzione a suo tempo comunicate.
I Rappresentati degli Enti si riservano di dare ulteriore comunicazione per quanto riguarda la filiera relativa all’assolvimento dell’Obbligo di Istruzione a seguito della preventivata richiesta di incontro al Dirigente Generale del Dipartimento dell’Istruzione e della Formazione Professionale.

Print Friendly, PDF & Email