Le scacce ragusane alimento della dieta mediterranea

L’Associazione Onlus “Amici del Mago Zurlì”, denuncia i pericoli dell’obesità infantile, soprattutto dopo l’accurata indagine statistica del C.N.R. giunta alla drammatica conclusione che “i bambini italiani sono i più obesi d’Europa”.
Ben il 35 % dei nostri ragazzi tra i 6 e gli 11 anni, più maschi che femmine, è a rischio di obesità (contro il 27% degli spagnoli, il 20% degli inglesi, il 14% dei tedeschi) a causa di una scorretta alimentazione, poca attività fisica e scarsa attenzione da parte delle famiglie.
Il problema dovrebbe preoccuparci seriamente se si considera che i piccoli in sovrappeso rischiano di ammalarsi di diabete, ipertensione o infarto e spesso devono convivere con disturbi di carattere psicologico.
Strano a dirsi, il fenomeno passa da 1 bambino su 4 a nord a 1 su 3 al sud e l’accorata denuncia, riportata sui giornali specializzati, nonostante la gravità della cosa, non sembra però aver ottenuto il risultato sperato.
Per questo motivo, uno dei personaggi più amati dai bambini, che può vantarsi di essere stato l’ideatore del linguaggio dei piccoli in Tv, ha deciso di utilizzare gli strumenti che da conosce meglio e cioè il cinema e la televisione.
E così Cino Tortorella, con l’Associazione “Amici del Mago Zurlì”, fondata dal Dr. Lucio Catamo*, da sempre attento alle problematiche infantili ha pensato di realizzare il film S.O.S. acronimo di Save Our Sons ( Salvate i nostri figli) coinvolgendo autorità nel campo scientifico e noti personaggi dello spettacolo e dello sport.
L’idea sarà ribadita, venerdì 2 ottobre, all’interno di quello che sembra il luogo più adatto per presentare un tale progetto, il padiglione del Cluster Biomediterraneo, all’Expo di Milano, dove si esaltano i cibi semplici e i prodotti della dieta mediterranea.
Cino Tortorella, infatti, alle ore 17.00, sarà ospite del Consorzio Ibleo per il Turismo durante lo Speak Easy condotto da Mario Papa, per parlare dei cibi genuini come le “scacce” ragusane che potrebbero, con un dosaggio adeguato, entrare a far parte dell’elenco dei cibi, non troppo ricchi di calorie, adatti anche ai nostri ragazzini.
Secondo Cino Tortorella, infatti, una pietanza a base di pasta di pane (quindi acqua, farina e lievito), poco sale, tanta salsa di pomodoro in purezza, qualche scaglia di Ragusano Dop e olio d’oliva dei Monti Iblei è il meraviglioso risultato di secoli di tradizioni gastronomiche che non fanno male e che devono allontanarsi dal novero dei cibi prettamente casalinghi.
Per dimostrarlo, alla fine dello speak easy, due cuochi ragusani prepareranno le scacce, in tante varietà, per essere gustate appena sfornate.

*Lucio Catamo, noto medico chirurgo, specialista in ortopedia e chirurgia ortopedica, Direttore Scientifico e Sanitario del Centro Medico Medinforma con sedi a Bologna e a Merine di Lizzanello (Lecce) presso i Giardini di Atena, attuale Presidente dell’Associazione ”Amici del Mago Zurlì”

Print Friendly, PDF & Email