Musica. I finalisti 2014 di Ibla Grand Prize si sono esibiti nei teatri delle capitali più importanti al mondo

STRAORDINARIO L’ULTIMO CONCERTO ALLA CARNEGIE HALL DI NEW YORK. TRA GLI ARTISTI ANCHE IL GIOVANE PIANISTA JAZZ SCICLITANO GIUSEPPE BLANCO

Ragusa, 12 giugno 2015 – Ancora una volta il concorso internazionale di musica e canto “Ibla Grand Prize” è riuscito a portare sulla bocca dei newyorkesi il nome di “Ibla”, il quartiere barocco di Ragusa. Sono state infatti le serate “Ibla”, nei teatri delle principali capitali del mondo e qualche giorno fa alla Carnegie Hall di New York, a rilanciare l’attenzione sull’antica città patrimonio dell’Umanità. E’ accaduto in occasione delle esibizioni dei vincitori della scorsa edizione. Partecipando al concorso internazionale che si svolge a Ibla in estate, in caso di vittoria si ha la possibilità di esibirsi nei più importanti teatri, iniziando così concretamente una carriera ricca di successi dinnanzi a pubblici internazionali.
Grazie alla Fondazione Ibla, presieduta dalla baronessa Mariuccia Zerilli Marimò e dal direttore artistico del concorso, il maestro Salvatore Moltisanti, Ibla ogni anno accoglie centinaia di talenti e con loro tantissimi turisti provenienti da numerosissimi Paesi stranieri. Ed è così che il nome della cittadina iblea viaggia insieme ai suoi artisti e ai suoi turisti.
Il maestro Moltisanti e l’autorevole giuria presieduta dal maestro Marcello Abbado, ogni anno selezionano il meglio ottenendo un  successo consolidato poiché i vari vincitori delle diverse edizioni hanno modo di esibirsi nei teatri più importanti. Varie le tappe per i vincitori 2014: a Milano, in Olanda, in Virginia, in Arkansas, in Georgia e a maggio, dall’11 al 14, alla New York University Casa Italiana Zerilli Marimò. La più recente esibizione dei vincitori si è svolta nei giorni scorsi alla Carnegie Hall.
I musicisti finalisti, ben 16 talenti provenienti da tutto il mondo, si sono esibiti su musiche di Bach, Verdi, Liszt, Chopin, e altri classici. Ad esibirsi sono stati Francesca Adamo soprano (Italia), Fabiana Biasini, piano (Italia), Alessandro Blanco, chitarra (Italia), Giuseppe Blanco, piano jazz (Italia), Nanke Flach, piano (Norvegia), Luca Giovannini, violoncello (Italia), Miwa Hoyano, piano (Giappone), Rafal Luc, accordion (Polonia), Adona Mamo, tenore (Italia), Cho Hyun Park, piano (Sud Corea), Elsa Roux Chamoux, soprano (Francia), Annette Scholten, lame sonore (Norvegia), Giuseppe Sinacori, chitarra (Italia), Donatella Sollima, piano (Italia), Anna Rutkowka-Schock, piano (Polonia), Andrea Timpanaro, violino (Italia).
“Sono occasioni eccezionali, altrimenti impossibili – spiega il maestro Salvatore Moltisanti – poiché questi giovani talenti senza il concorso Ibla Gran Prize non avrebbero  avuto la visibilità e le opportunità che il premio ha riservato loro. Siamo orgogliosi anche dei nostri talenti siciliani, quali il giovanissimo pianista jazz Giuseppe Blanco di Scicli e i chitarristi Alessandro Blanco e Giuseppe Sinacori del palermitano, nonché di tutti coloro che si sono esibiti in queste prestigiose serate nel mondo. La forza di questo concorso è proprio la sua internazionalità come i suoi partecipanti del resto, ed è per loro che la Fondazione Ibla elargisce questi prestigiosi riconoscimenti. Tra l’altro gli artisti hanno avuto numerosi articoli sulla stampa americana e anche la partecipazione ad un noto talk sulla tv nazionale. Siamo già all’opera per la nuova edizione del concorso in programma a luglio a Ragusa con tantissime richieste di partecipazione, come ogni anno”.
Il concorso internazionale “Ibla Gran Prize” torna infatti nel quartiere barocco dal 6 al 16 luglio 2015 per la ventiquattresima edizione con le varie sezioni: Ibla Baroque, Ibla Classical, Ibla Jazz, Ibla Voice, Ibla Church, Ibla Contempora. L’autorevole giuria internazionale avrà nuovamente il compito di trovare nuovi talenti tra centinaia di concorrenti da tutto il mondo.

Print Friendly, PDF & Email