Acate. Grande successo di pubblico e di critica per il Concerto di Natale: “Classi-Gospel”.

Redazione Due, Acate (Rg), 31 dicembre 2018.- Durante il periodo natalizio dedichiamo molto del nostro tempo nell’ascoltare musiche tradizionali sul Natale. Generalmente lo facciamo mentre prepariamo l’Albero, il Presepe, mentre sorseggiamo sul divano qualcosa di caldo o in altre piacevoli rilassanti situazioni. Ma indubbiamente è ancora più bello ascoltare queste splendide melodie, suonate e cantate da un vero coro in occasione di un tradizionale Concerto di Natale. Una emozione provata, giorno 27 dicembre, dal folto pubblico presente, nel corso dell’incantevole Concerto di Natale: “Classi- Gospel” eseguito dal Coro Polifonico Parrocchiale, diretto dall’organista, Aurora Muriana, nella suggestiva cornice della settecentesca chiesa di San Vincenzo Martire. Una dolcissima atmosfera natalizia, regalata al numeroso pubblico presente, che sarà difficilissimo dimenticare. Un Concerto voluto dall’amministrazione comunale, guidata dal neo sindaco Giovanni Di Natale, e dalla Parrocchia “San Nicolò di Bari”, ed organizzato dalla maestra Aurora Muriana, direttrice del Coro Polifonico Parrocchiale. Un Coro, costituito nel marzo del 2003, a quattro voci miste, costantemente impegnato nell’animazione delle funzioni religiose solenni, nelle occasioni straordinarie che fanno parte di eventi parrocchiali e in vari concerti. Direttrice del Coro, dicevamo, la maestra Muriana, pianista ed organista da oltre vent’anni, la quale si occupa dell’animazione di matrimoni ed eventi simili ed è impegnata nella preparazione canora dei coristi e nell’arrangiamento delle partiture musicali con relativi adattamenti polifonici. Inoltre ha studiato pianoforte dall’età di dieci anni, è stata iscritta al Conservatorio “Vincenzo Bellini” di Catania ed ha anche partecipato, nella sezione giovani, al prestigioso concorso musicale “Ibla Gran Prize”. Per l’occasione la maestra Muriana ha potuto usufruire dell’artistico organo situato al termine della navata destra, della chiesa di San Vincenzo, in prossimità dell’altare maggiore. Una pregevole opera del XVII secolo, ritornata al suo antico splendore al termine di una complessa opera di restauro, resa possibile, nel 2000 grazie ad un finanziamento regionale di 90 milioni, integrato da altri  30 milioni circa a carico della parrocchia. A fine concerto il sindaco, Giovanni Di Natale, l’assessore allo Spettacolo, Andrea Migliore e il consigliere comunale, Marika Agli hanno ringraziato il Coro e la maestra elogiando il loro lavoro, apprezzando l’esistenza di un gruppo canoro ben costituito ed offrendo un omaggio floreale ed una pergamena-ricordo. Attori principali dell’evento quindi: il Coro Polifonico della Parrocchia e la maestra Aurora Muriana, coadiuvati dai presentatori della serata, Genny Paternò e Salvatore Cultraro e da un gruppo di validi tecnici e collaboratori. Coro ed organista hanno dato il massimo di sé, elettrizzati dall’importanza dell’evento e dalla massiccia presenza di pubblico. Nato per condividere momenti di bellezza sonora, il Coro ha dato il tocco magico ad un’esecuzione perfetta. E questo senza peccare di protagonismo o sfoggiare quel virtuosismo di cui, in tutte le esecuzioni passate, ha sempre dato altissima prova. Le note del Coro Polifonico  si sono rincorse da una navata all’altra del settecentesco Tempio, creando un effetto unico. E’ Stata anche una occasione per riflettere sull’importanza del Natale quale generatore di solidarietà e fratellanza. Valori che la musica ha contribuito a diffondere avvicinando specialmente i più giovani alla bellezza di emozioni universali. Nel Concerto di Natale del Coro Polifonico è emerso tutto ciò e molto altro ancora: le voci, i testi, i giovani solisti, le musiche, la collaborazione, tutti sono riusciti a coinvolgere ed emozionare i numerosi presenti riconoscendo nella musica uno strumento fondamentale di coesione.

Print Friendly, PDF & Email