Sottotipo di cancro alla tiroide riclassificato come “noncancer”

Era classificato come tumore alla tiroide, gli studi dimostrano che non lo è. A dirlo uno studio che potrebbe influenzare anche la classificazione di altri tipi di tumori

Un team internazionale di patologi e clinici ha riclassificato un tipo di cancro alla tiroide. Quello che per anni è stato classificato come un tumore della tiroide, una variante del carcinoma incapsulato papillare (EFVPTC), in realtà non lo è. È la conclusione di un gruppo di 24 patologi internazionali, che ha rivisto in modo nuovo 268 tipi di cancro. Ciò significa che d’ora in poi chi ne è affetto non dovrà più essere trattato con terapie non necessarie, come lo iodio radioattivo, facendo anche risparmiare soldi al servizio sanitario. La conclusione di questo studio, pubblicato sulla rivista Jama Oncology il 14 aprile, potrebbe influenzare anche la classificazione di altri tipi di tumori, come quello alla prostata, polmone e seno. Secondo lo studio, commenta Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, alcuni tumori della tiroide, attualmente classificati come cancro, in realtà non rientrano nei criteri diagnostici, suggerendo che sono stati spesso erroneamente così catalogati perché a livello microscopico rientravano nei criteri, anche se si comportavano come tumori benigni. Secondo Ronald Ghossein, del Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York e uno dei ricercatori, questa riclassificazione potrà avere implicazioni su 45 mila pazienti nel mondo con tumore alla tiroide e sul modo in cui vengono trattati il cancro alla prostata, polmone e seno. Il Dr Nikiforov e colleghi sottolineano che l’incidenza di EFVPTC è aumentato da due a tre volte nel corso degli ultimi 20 o 30 anni e costituisce il 10% e il 20% di tutti i tumori della tiroide diagnosticati in Europa e Nord America. Questo aumento dell’incidenza è stato spiegato da miglioramenti nella diagnosi. E ‘stato descritto come un “epidemia da diagnosi” piuttosto che un vero aumento della malattia. Questa mossa di smettere di usare il termine “cancro” per descrivere un tumore costituisce un precedente, ma avrà lo stesso impatto in altri settori della oncologia? Si è discusso per qualche tempo per quanto riguarda l’allontanamento dalla parola “cancro” nella descrizione delle fasi sia del seno e del cancro alla prostata. Nel 2013, un gruppo di lavoro istituito dal National Cancer Institute ha proposto che un certo numero di lesioni precancerose, tra cui il carcinoma duttale in situ (DCIS) e di qualità prostatica neoplasia intraepiteliale, non dovrebbe più essere chiamata “cancro”. Invece, suggerisce il gruppo di lavoro, le variazioni dei tessuti devono essere etichettate con qualcosa di più appropriato, come ad esempio lesioni indolenti di origine epiteliale (IDLE),. “L’uso del termine ‘cancro’ dovrebbe essere riservato per descrivere le lesioni con una ragionevole probabilità di progressione letale se non curata”, ha inoltre spiegato. La proposta di allontanarsi dalla parola “cancro” per la crescita lenta dei tumori della prostata era stato proposto, nel 2011, da una giuria indipendente del National Institutes of Health, ma al momento, oncologi si sono schierati contro l’iniziativa, affermando che un cambiamento del nome confonderebbe i pazienti sostenendo che “il cancro a crescita lenta è ancora il cancro vero e proprio.”

Print Friendly, PDF & Email