Uso improprio della posta aziendale e licenziamento. Parere n.2/2015 della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro

Con la sentenza n.22353 del 2 novembre 2015, la Corte di Cassazione si è espressa sul tema dell’utilizzo improprio della casella di posta aziendale confermando gli orientamenti già rassegnati in passato e ritenendo illegittimo il licenziamento per giusta causa, ex.art. 2119 cod.civ.
Servirebbero, per la Suprema Corte, elementi addizionali per legittimare un’interruzione in tronco del rapporto di lavoro, ritenendo più consona e sufficiente una sanzione disciplinare di natura conservativa.
La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro con parere n.2/2015 (in allegato) analizza le posizioni assunte dalla Cassazione in merito all’argomento.Clicca qui per leggere e scaricare il “Parere della Fondazione Studi_n° 2-2015”

Print Friendly, PDF & Email