A Palermo fa tappa “Casa Corepla”. Mille bambini a lezione di educazione ambientale

PALERMO – E’ stata inaugurata al centro commerciale “Conca d’oro”, di via Lanza di Scalea , la struttura itinerante “Casa Corepla”.
Sarà presente a Palermo fino al 29 marzo ed  aperta alle scuole del territorio e a tutti i cittadini che vorranno visitarla. Più di 50 classi, per un totale di 1.000 bambini appartenenti alle scuole primarie, hanno già confermato la loro presenza nelle prossime due settimane.
Una nuova e più ricca esperienza didattica, promossa da Corepla con il patrocinio del Comune di Palermo e  della RAP (Risorse Ambiente Palermo) finalizzata alla divulgazione del ciclo completo dell’imballaggio in plastica: dalla prevenzione alla raccolta differenziata, dalla selezione al riciclo, per finire con gli oggetti che si producono con la plastica riciclata.
CasaCorepla riproduce l’interno di un vero e proprio appartamento, luogo familiare per eccellenza in cui si compiono le fondamentali azioni che danno il via alla raccolta degli imballaggi in plastica: il loro riconoscimento, la successiva separazione e il conferimento al servizio di raccolta differenziata.
Per questo motivo ogni locale è teatro di una fase: il salotto permette un focus sulla funzione odierna dell’imballaggio e la consapevolezza di quanto ha profondamente cambiato i consumi, la cucina è invece dedicata all’apprendimento e al riconoscimento di ogni singolo oggetto per il suo corretto conferimento nella raccolta differenziata, la stanza dei giochi mostra, infine, cosa diventa l’imballaggio una volta riciclato.
In ognuno di questi ambienti il visitatore sarà coinvolto in attività ludico-didattiche, inclusa un’esperienza  innovativa di realtà aumentata, che potrà poi essere replicata a casa o a scuola.
COREPLA, il Consorzio Nazionale senza scopo di lucro per la raccolta e il riciclo degli imballaggi in plastica, vuole affiancare il Comune di Palermo e la RAP negli sforzi per incrementare i risultati di raccolta differenziata.
“La scelta di installare Casa Corepla a Palermo”, sottolinea  Giorgio Quagliuolo, Presidente del Consorzio Corepla “è un incentivo alle capacità che avrà  la città di Palermo di incrementare a breve i risultati della  raccolta differenziata degli imballaggi in plastica”. Continua Giorgio Quagliuolo”la raccolta procapite della Sicilia nell’anno 2014 è stata di  3,7 kg per abitante,  la più esigua tra tutte le Regioni d’Italia. Occorre dunque che le città siciliane più densamente abitate si attivino per recuperare questo gap,  permettendo così  ad una Regione  ricca di storia , di cultura  e di  bellezze naturali di raggiungere, anche nella raccolta differenziata degli imballaggi in plastica,  un livello di eccellenza.  Siamo consapevoli  delle vicissitudini societarie e degli sforzi  in corso per migliorare il servizio di  raccolta , ed è proprio in quest’ottica che abbiamo scelto la città di Palermo  come sede per  l’installazione  di Casa Corepla a cui hanno già aderito oltre  1.000 ragazzi.”
Alla presentazione della struttura itinerante di Casa Corepla erano presenti anche  l’assessore all’Ambiente Cesare La piana e il presidente della Rap Sergio Marino che dichiara: “Riteniamo strategiche le attività svolte per promuovere e sostenere politiche ambientali basate sul riuso e riciclo nei rifiuti. Corepla svolge, anche con queste iniziative, un ruolo importante con modalità che sono alla base di buoni risultati perché attraverso il coinvolgimento delle scuole si può davvero sperare che in un futuro i cittadini diventino più consapevoli e garanti del patrimonio ambientale e della stessa salute” .
“L’assessore Cesare Lapiana, invece , ha puntato il suo intervento sui giovani: “Queste sono iniziative utili ed è importante puntare sui ragazzi, protagonisti indiscussi del futuro della  nostra città. Sono la nostra speranza, da loro possiamo imparare tanto, anche la loro sensibilità ecologica che ai giorni d’oggi  non si riesce ad intravedere nei grandi. Sono loro che devono diventare ambasciatori nelle proprie famiglie di corrette abitudini in tema di rifiuti e di ambiente”.

Print Friendly, PDF & Email