A Ragusa workshop tematico “GAL Terra Barocca” rivolto alla cittadinanza

Proseguono gli incontri di animazione sulla costituzione del “GAL Terra Barocca”. Dopo Ispica e Santa Croce Camerina, oggi è stata la volta di Ragusa.

Il GAL – afferma il sindaco di Ragusa, Federico Piccitto – è un’importante opportunità, uno strumento dinamico che ci darà la possibilità di raggiungere ottimi risultati per il nostro territorio. Ma per fare questo è necessaria la collaborazione di tutti. Ecco il perché di questi incontri che servono non solo per informare ma soprattutto rendere partecipi i cittadini, il tessuto socio – economico e associazionistico di un percorso che ha soprattutto bisogno di stimoli che provengano dal territorio”.

La prima fase, che si concluderà il prossimo 30 giugno, prevede la scelta dei tre ambiti tematici in cui il GAL andrà ad operare. Tutti sono chiamati ad esprimere una votazione sulla base della tematica che si ritiene possa essere di maggiore interesse nell’ottica dello sviluppo del territorio. Esprimere il proprio pensiero è semplice basta registrarsi alla piattaforma galterrabarocca.com e accedere alla sezione forum.

Nel suo intervento l’Assessore allo sviluppo Economico e al Turismo, Sebastiana Disca ha sottolineato l’importanza di una partecipazione attiva di tutto il territorio mentre il Dirigente Capo dell’Ispettorato Provinciale Agrario di Ragusa, Giorgio Carpenzano ha evidenziato l’importanza storica, per il territorio, del 27 maggio scorso: “Il 27 maggio – ha detto – è una giornata che segna la storia del nostro territorio perché, in quella data, con la firma dell’atto costitutivo del GAL, finalmente abbiamo registrato una partecipazione attiva della componente pubblica ad un progetto che questa volta proviene dal basso, ovvero dal territorio. Il GAL è un’opportunità unica sia in termini di ricadute che vantaggi in tutti i settori. È uno strumento che parte dalle esigenze del partenariato il quale ha l’obbligo e il dovere di partecipare”.

Presente all’incontro anche il Soprintendente ai beni culturali di Ragusa, Calogero Rizzuto che ha accolto di buon grado l’invito del sindaco Piccitto di collaborare con questo nuovo strumento a servizio del territorio.

“Il GAL – afferma Rizzuto  – arriva in un momento particolare in quanto abbiamo già dato comunicazione ai vari comuni che il Piano Paesaggistico è ufficiale. Si tratta di uno strumento che mira alla crescita del territorio e quindi da parte nostra c’è la massima disponibilità a collaborare”.

Nel corso del workshop Martina Celestre, esperta di supporto del GAL, ha spiegato ai presenti la nuova piattaforma on line che rappresenta una piazza virtuale in cui tutti possono accedere e fornire un importante contribuito: “Obiettivo principale   – sottolinea Martina Celestre – è raccogliere  quante più iscrizioni possibili sia come soci che come partner e allo stesso tempo coinvolgere tutta la cittadinanza. Si tratta di una piattaforma molto semplice in cui potrete trovare anche informazioni sul GAL e sulle iniziative messe in campo. Auspichiamo in un coinvolgimento sempre maggiore ai forum che rappresentano uno stimolo importante per le scelte future”.

All’agronomo Mario Alessi, infine, il compito di spiegare le modalità di adesione ed i futuri scenari che si apriranno grazie all’arrivo dei fondi del Psr Sicilia 2014-2020.

Prima di concludere i lavori gli esperti in politiche comunitarie e sviluppo locale, Franco Celestre e Salvatore Occhipinti, hanno ricordato quanto sia importante, già in questa prima fase, accedere alla piattaforma ed esprimere il proprio parere che andrà a delineare gli scenari successivi.

I lavori si sono conclusi con un dibattito costruttivo che ha visto come interlocutori principali le associazioni di categoria presenti.

Prossimo appuntamento domani alle 17:00, presso l’Auditorium Pietro Floridia di Piazza Matteotti, a Modica.

Print Friendly, PDF & Email