Acqua e rifiuti. Orlando: “Se qualcuno cerca la nuova mafia, guardi in questi due settori”

PALERMO – A margine dell’incontro avuto ieri al Ministero dell’Interno come Anci, il sindaco Leoluca Orlando è tornato a rappresentare ai vertici del ministero e della polizia “gli ostacoli interni all’Amap e frapposti da parte della Regione alla gestione pubblica e metropolitana dell’acqua, per cui è forte l’impegno dell’Azienda e del suo Cda in linea con l’indirizzo amministrativo e politico ricevuto dal Comune”.

Il sindaco Orlando ha ricordato che la Giunta si è riunita in via Volturno, “non come atto simbolico ma come concreta manifestatone di sintonia e sostegno all’operato di una Azienda che con l’adesione di decine di Comuni è divenuta la seconda azienda idrica pubblica dopo l’Acquedotto Pugliese.”

“È evidente – ha proseguito Orlando – che questo produce a diversi livelli nervosismi e opposizioni che ho da tempo denunciato, tanto a mezzo stampa, quanto ad ogni organo competente in materia. Palermo è l’unica realtà della Sicilia, probabilmente fra le pochissime in Italia, in cui il ciclo dei rifiuti e quello dell’acqua sono gestiti senza appalti privati. Con una potenzialità di espansione nell’area metropolitana grazie alla messa a norma dell’unico impianto di discarica pubblica con TMB esistente in Sicilia che consente certamente di immaginare una gestione sovracomunale dei servizi.”

“Se qualcuno cerca qualcosa che assomigli alla nuova mafia – conclude il sindaco – la cerchi nel settore dell’acqua e dei rifiuti”

Print Friendly, PDF & Email