Affollata assemblea Movimento Politico Sviluppo Ibleo ieri a Vittoria. La Rosa:”Il nostro sarà un progetto fuori dai partiti”.

ANDREA LA ROSA: “GOVERNO E TERRITORIO, UNA NUOVA CLASSE DIRIGENTE”: AFFOLLATA ASSEMBLEA DEL MOVIMENTO POLITICO SVILUPPO IBLEO IERI A VITTORIA. LA ROSA: “E’ GIUNTO IL MOMENTO DI INNOVARE LA PROPOSTA POLITICA CON UN PROGETTO FUORI DAI PARTITI, CHE CONIUGHI POLITICA E CIVISMO

Vittoria, 9 novembre 2015 – Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma Andrea La Rosa, Sviluppo Ibleo: “E’ stata un’assemblea affollata quella che si è volta ieri presso la sede del Movimento in via Cairoli. Sinceramente non mi aspettavo tanta gente nuova e vogliosa di ascoltare la nostra idea per il cambiamento amministrativo di questa città. È giunto il momento di innovare la proposta politica con un progetto fuori dai partiti, che coniughi politica e civismo. È un’esperienza che a Vittoria noi del nostro Movimento viviamo e proponiamo da anni. Dicevano che sarebbe stata velleitaria. Oggi si è rivelata e si sta rivelando determinante. Non criminalizzo i partiti, dentro i quali ho militato, ma hanno avuto mille occasioni e hanno fallito. Ieri mattina c’è stata una partecipazione oltre le aspettative, grande interesse di tutta la base è adesione di tanti amici e cittadini con voglia di fare e mettersi in gioco. La base è stata la vera protagonista, un confronto serio, costruttivo e chiaro con l’obiettivo di verificare se ci sono le condizioni per iniziare una nuova stagione politica. Il nostro non sarà un progetto politico aristocratico, ma un progetto popolano, figlio di Vittoria, lontano dai poteri forti e ormai logori. Ecco, noi vogliamo proporci come figli di Vittoria e dei vittoriesi, un progetto nemico delle logiche spartitorie e clientelari e quindi in netta discontinuità con l’attuale classe dirigente che ha amministrato questa città negli ultimi dieci anni. Abbiamo raccolto tante idee che adesso cominceranno a formare quella che sarà la nostra piattaforma politica che presenteremo ai cittadini ma anche alle altre forze civiche che si riconoscono nella ferma volontà del cambiamento”.

Print Friendly, PDF & Email