Anniversario strage Capaci. Orlando: “Palermo ricorda con immutata gratitudine e commozione”

PALERMO – Il Sindaco Leoluca Orlando oggi ha partecipato alla giornata commemorativa di Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani, assassinati il 23 maggio 1992. Orlando, si è prima recato presso l’aula bunker del carcere Ucciardone, dove tra altri, erano presenti il presidente del Senato Grasso e i ministri Orlando e Giannini e successivamente alla Caserma Lungaro, dove il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha deposto una corona di fiori davanti alla lapide che ricorda gli agenti di scorta uccisi nelle stragi del 1992 all’interno del Reparto scorte della caserma Lungaro. Alla cerimonia hanno partecipato il presidente del Senato Pietro Grasso, il capo della Polizia Franco Gabrielli, il governatore della Regione Siciliana Rosario Crocetta e i vertici delle forze dell’ordine. Dopo la deposizione della corona è stato suonato il silenzio militare.

FALCONE_3Il sindaco ha poi preso parte al corteo degli studenti e scout provenienti da tutta Italia che dall’aula bunker di Palermo ha raggiunto l’Albero Falcone, in via Notarbartolo. Alle 17.58, l’ora Bdella strage di Capaci, è stato osservato un minuto di raccoglimentoBcon migliaia di palloncini verdi, bianchi e rossi fatti volare. In viaB Notarbartolo è confluito anche l’altro corteo che è partito da via D’Amelio, luogo in cui persero la vita Paolo Borsellino e gli agenti della scorta. Con il sindaco, all’Albero Falcone, erano presenti anche gli assessori comunali

“Oggi Palermo – ha detto Leoluca Orlando – ricorda con immutata gratitudine e commozione rinnovando il suo impegno, Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro e i tanti eroi caduti nella lotta contro la mafia. Lo fa in quei luoghi simbolo (l’Aula bunker, via D’Amelio e l’albero Falcone) che ci ricordano uomini straordinari, rappresentanti della parte migliore dello Stato, che hanno costruito un pezzo importantissimo, essenziale del nostro percorso di liberazione. La presenza ancora una volta diB migliaia di ragazzi e ragazze, di bambini e bambine e tantissime scuole è un grande elemento di speranza ed un segnale del cambiamento culturale in atto ed irreversibile. La strage di Capaci – conclude il sindaco – è una ferita del nostro Paese che non si rimarginerà mai, rimarrà sempre sotto gli occhi di tutti. E in realtà è cosi che deve essere, per non dimenticare. La cultura e il ricordo sono importantissimi perché solo attraverso questi elementi, i giovani possono coltivare l’orrore per la criminalità organizzata e cercare in tutti i modi possibili di isolarla affinché scompaia”.

FALCONE_1

Print Friendly, PDF & Email