Banche di Credito Cooperativo: piena riuscita dell’azione di sciopero. Bertinotti (Fabi) auspica riapertura del dialogo.

SCIOPERO BANCHE DI CREDITO COOPERATVO

I LAVORATORI ADERISCONO IN MASSA

PUNTE D’ADESIONE TRA IL 70% E IL 90%

IN LOMBARDIA ASTENSIONE RECORD: OLTRE IL 95% INCROCIA LE BRACCIA

BERTINOTTI (FABI): “FEDERCASSE FACCIA UN PASSO INDIETRO SU DISDETTA CONTRATTO E RIAPRA DIALOGO CON I SINDACATI.

IN VISTA DELLA RIFORMA DI SETTORE NECESSARIA CONCERTAZIONE, NON CONFLITTUALITÀ”

I lavoratori del credito cooperativo hanno aderito compatti allo sciopero nazionale, indetto oggi, con punte di adesione tra il 70 e oltre il 90% sulla rete. In Lombardia, dove maggiore è la presenza delle bcc, le adesioni hanno superato il 95%. Ampiamente ridotta l’operatività degli sportelli su tutto il territorio nazionale.

Lo sciopero è stato proclamato da FABI, FIBA CISL, FISAC CGIL, UGL e UILCA, contro la disdetta della contrattazione nazionale e regionale di settore deliberata unilateralmente da Federcasse.

Oltre allo sciopero, durante la giornata, si sono svolti numerosi presidi davanti alle sedi delle varie Federazioni regionali delle Banche di Credito Cooperativo e alle maggiori BCC, con manifestazioni a Roma, Padova, Salerno, Cosenza, Pietrasanta, Faenza, Fano e Castellana Grotte, a cui ha aderito un ampio numero di lavoratori.

La categoria torna a scioperare per la prima volta dopo 15 anni contro i recessi dei due livelli di contrattazione, nazionale e regionale, il primo già in vigore, il secondo che diventerà esecutivo dal prossimo primo aprile. Provvedimenti deliberati unilateralmente da Federcasse, che di fatto smantellano il quadro di regole e di diritti dei lavoratori, condivisi negli anni tra le parti.

I lavoratori chiedono, inoltre, in vista dell’annunciata autoriforma di sistema, di rendere più trasparenti ed efficienti i sistemi di governance degli istituti e di preservare il legame delle bcc con il territorio, a sostegno delle famiglie e delle piccole medie imprese.

“Dopo la grandissima adesione dei lavoratori allo sciopero”, dichiara Luca Bertinotti, Segretario nazionale FABI, “chiediamo a Federcasse di abbandonare posizioni di sterile intransigenza e di riaprire il dialogo e un confronto serio e rispettoso con i sindacati, facendo un passo indietro sulla disdetta della contrattazione di categoria, che toglie diritti ai lavoratori e riporta il settore indietro di 50 anni.

Il credito cooperativo, adesso più che mai, ha bisogno di concertazione e di assunzione di responsabilità da parte dei vertici per affrontare e governare le complesse sfide del futuro. Alimentare la conflittualità, come fatto fino a oggi da Federcasse, allontana dalla soluzione dei problemi ed è dannoso per i lavoratori, per la clientela e per il sistema nel

Print Friendly, PDF & Email