Capaci. Serracchiani: “Perpetuare ricordo vittime della strage”

CAPACI – “A 24 anni dalla strage di Capaci la memoria del sacrificio di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e degli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro è e rimarrà sempre viva.
Il 23 maggio del 1992 lo scontro tra Stato e mafia conobbe uno dei momenti più drammatici di sempre, seguito, poco dopo, dall’uccisione di Paolo Borsellino e della sua scorta a via D’Amelio. Lo Stato seppe reagire: tra mille difficoltà e paure si  rispose ad una aggressione senza precedenti.
Oggi ricordiamo le figure di questi servitori dello Stato, il loro impegno in una guerra che ancora non è vinta. I processi hanno consentito di accertare le responsabilità ma sappiamo che ancora molto è da fare.
Il recente attentato al presidente del parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci, impone che si prosegua nell’opera di contrasto alla malavita organizzata su ogni fronte.
È uno scontro che non consente mediazioni e che si combatte su più fronti. Su quello della prevenzione e della repressione ma anche su quello culturale. Alle parole appassionate di Gesualdo Bufalino facevano eco gli appelli del giudice Falcone: prima di tutto serve un esercito di maestri per combattere la mafia.
È una battaglia che lo Stato italiano porta avanti con decisione ma che non può essere vinta se non si istilla nelle persone il senso profondo della giustizia e della legalità.
Per questo è fondamentale perpetuare il ricordo di chi ha perso la vita per difendere i valori più importanti della nostra comunità. Siamo vicini a chi è caduto e alle loro famiglie, rinnovando il nostro impegno nella lotta per la legalità“. Lo dichiara Debora Serracchiani, vicesegretario del PD, in occasione del 24esimo anniversario della strage di Capaci.

Print Friendly, PDF & Email