Cara di Mineo. Gibiino (FI): “E’ bomba ad orologeria. La pazienza dei siciliani è finita”

Palagonia, 1 settembre 2015 – “I fatti di Palagonia, il duplice efferato omicidio che ha sconvolto la Sicilia, fanno da spartiacque tra la fase dell’immensa pazienza, che ha visto i siciliani proni alle folli decisioni di un potere romano lontano e indifferente alle loro manifeste difficoltà, e quella della rabbia, dell’amara, drammatica consapevolezza. Perché la gestione dell’emergenza migranti è stata fallimentare da parte di Roma e dell’Europa, perché il Cara di Mineo e gli altri centri d’accoglienza siciliani, sono bombe ad orologeria che potrebbero esplodere da un momento all’altro: luoghi mal controllati, affollati da migranti economici, da pochissimi profughi e da tanti delinquenti, alcuni dei quali pronti a tutto”, così il senatore Vincenzo Gibiino, coordinatore di Forza Italia in Sicilia.
“Gli ospiti del centro di Mineo si muovono indisturbati per tutto il catanese, condizionando da tempo la libertà e la serenità della nostra gente – prosegue Gibiino –. Ed ora la paura sale. Il governo intervenga prima che la tensione non sia più gestibile. Urgono maggiore controllo e l’immediata espulsione di tutti gli immigrati che non hanno i requisiti per richiedere asilo, per giungere quindi alla chiusura dei centri. A monte, è invece indispensabile fermare le partenze combattendo gli scafisti, facendo uso di ogni mezzo a disposizione”.

Print Friendly, PDF & Email