Comiso, progetto “Fare sistema oltre l’accoglienza” ammesso a finanziamento. Comune Comiso replica ai Centristi di Comiso

COMISIO – Il progetto sarà finanziato attraverso le risorse F.A.M.I. (Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione) 2014-2020 – OS1/ON1: “Potenziamento del sistema di 1° e 2° accoglienza” e ha come scopo la promozione di percorsi di autonomia e inclusione socio-economica di giovani e adulti stranieri attualmente ospiti dei progetti S.P.R.A.R. di cui il Comune di Comiso è titolare.
“Destinatari del progetto sono persone titolari di protezione internazionale – ha dichiarato il sindaco Filippo Spataro – che potranno beneficiare di percorsi individualizzati di orientamento, formazione e inclusione socio-economica nel tessuto sociale, produttivo e lavorativo. Il Comune di Comiso ha accettato volentieri il partenariato proposto dalla Cooperativa Fo.Co. perché le finalità progettuali sono di profonda valenza sociale e sono funzionali all’inclusione sociale e lavorativa dei rifugiati titolari di protezione internazionale beneficiari di progetti S.P.R.A.R.”
“Il progetto – ha spiegato l’assessore ai Servizi sociali, Vittorio Ragusa – prevede, tra l’altro, l’organizzazione di seminari di informazione e sensibilizzazione, laboratori di apprendimento e potenziamento della lingua italiana, orientamento e accompagnamento lavorativo, di accesso all’alloggio e di supporto abitativo.”
“Due righe di commento mi corre l’obbligo di fare in risposta all’ultima, delirante nota dei Centristi per la Sicilia – conclude Ragusa. Tralasciando le ormai consuete , clamorose inesattezze, soprattutto in termini di cifre e numeri, risulta davvero incredibile che questa formazione politica si erga a paladina dei diritti dei diversamente abili, dopo lo tzunami mediatico che ha vergognosamente travolto il proprio riferimento regionale, ass. Miccichè, quest’ultimo bensì inadatto e incompetente a ricoprire il ruolo che gli e(ra) stato affidato. Dopo le foto esibite con orgoglio da qualche esponente locale in compagnia dell’ass. Miccichè, a rimarcarne la contiguità politico-amministrativa, ci saremmo aspettati una presa di distanza da parte dei Centristi di Comiso rispetto a questo imbarazzante personaggio, giusto per segnare una differenza. Purtroppo, non c’è stata. Ecco perché su questo tema, e su altri analoghi, sarebbe bene che tacessero, non risultando per nulla credibili.”

Print Friendly, PDF & Email