Continuità Territoriale: La mobilita è un diritto dei Siciliani ed un dovere dello Stato assicurarla.

Sicilia, 5 febbraio 2015 – “Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche… così finisce l’art. 16 della Costituzione Italiana, ma non è proprio così.  Non bastano le rassicurazioni dell’Ad di Fsi Elia, non bastano le risposte del Ministro Lupi, non basta la richiesta del governatore Crocetta, è ora che in Sicilia si vedano i fatti ed in maniera concreta e tangibile“. E’ quanto afferma alla stampa Giosuè Malaponti, Presidente Comitato Pendolari Siciliani – Ciufer.

Basta agli annunci di mega opere, di alta velocità, di progetti faraonici – continua Malaponti – come la Palermo-Messina-Catania per un totale di circa 8 miliardi e 600 milioni di cui finanziati appena il 10%. Queste opere sono decenni che vengono di volta in volta annunciate e mai finanziate e dico finanziate per l’intero importo. Basta con gli scippi già perpetrati sulle tasse dei siciliani. Ritengo che sia giunto il momento che Regione, Comuni e forze sociali assieme reclamino quanto è dovuto alla nostra terra. La Sicilia ha diritto ad avere gli stessi servizi del resto d’Italia e non solo. La mobilita è un diritto dei Siciliani ed un dovere dello Stato assicurarla con la Continuità territoriale“.

Print Friendly, PDF & Email