Degrado a Caucana, l’Assessore al ramo: “Se non si trova bene cambi spiaggia”. E’ polemica sui social.

S’inaspriscono i toni della polemica innescata dalla segnalazione di Giovanni Mangione, villeggiante di Caucana, che tra l’altro trova l’appoggio di molti residenti della zona balneare.

A Mangione, che ha evidenziato lo stato di degrado in cui versa la spiaggia del litorale santacrocese, affermando che nonostante il cambio di Amministrazione, “loro rimangono figli di un Dio Minore” il primo cittadino di Santa Croce Camerina, Giovanni Barone, risponde sottolineando l’operato svolto nell’immediatezza: “La mia amministrazione appena insediata – dice – si è immediatamente attivata per rendere sicuri e fruibili al meglio le spiagge”.

Ed aggiunge: “Trovo legittimo che un villeggiante segnali un problema, ma è quando il segnalare presunti problemi, che ripeto erano presenti anche nella passata stagione, avviene in modo plateale spesso offensivo e poi ti accorgi magari che qualcuno è in campagna elettorale, allora la cosa assume aspetti grotteschi e ridicoli”.

Per quel che riguarda le alghe Barone evidenzia che si tratta di un fenomeno naturale ed afferma di essere concorde con Demanio e Capitaneria nel divieto di rimozione.

Il primo cittadino infine assicura che non ci sono problemi di igiene nelle spiagge: ”Tutti i rifiuti vengono raccolti all’alba e il pulisci spiagge passa ogni giorno. Voglio rassicurare villeggianti e turisti che l’Amministrazione è al loro fianco pronta a venire incontro alle loro giuste esigenze. Godetevi la vacanza”.

In merito a quest’ultima affermazione pare però che ci sia una certa discrepanza di posizioni tra il primo cittadino e l’assessore al ramo in merito a come l’Amministrazione intenda dimostrare vicinanza ai cittadini.

Sui social il dibattito, infatti, si inasprisce di più. Alle lamentele di Mangione, l’Assessore Francesco Dimartino replica: ”Se da noi non si trova bene, sarebbe meglio che Lei, cambiasse spiaggia”. Una risposta che non è stata affatto gradita dai villeggianti e qualcuno ricambia con “Se cambiassimo assessore? Sarebbe più semplice!”.

Alle dichiarazioni del primo cittadino controreplica Mangione: ”Si ringrazia il primo cittadino di Santa Croce Camerina che mi invita a godermi le vacanze estive. Le scuse sul discorso Capitaneria di Porto e alghe che non posso essere rimosse sono vecchie, farebbero più figura a dire che sono interessati solo ad una parte di Punta Secca, poiché notoria per le celebri puntate di Montalbano. Sicuramente farò appello al commissario Montalbano per questo enigma delle alghe. Farebbero bene a recarsi sul posto invece di divulgare note scritte attraverso i loro addetti stampa. Spero realmente che nessuno si faccia male visto che tutti i giorni la gente e i turisti per fare una passeggiata debbono arrampicarsi sugli scogli. Ricordo anche che la presenza di alghe penalizza notevolmente il noto locale Chiosco 23″.

Mangione segnala inoltre il mancato rispetto del divieto di transito dalle 21 alle 3 del mattino di Via delle Anticaglie, “tratto in cui, fino all’anno scorso, veniva bloccato il transito ai veicoli e si registrava, ogni tanto, la presenza dei vigili urbani. Oggi – afferma – la strada citata è diventata una pista da corsa”.

“Ribadisco – conclude Mangione – la presenza di un tratto di strada che sta crollando e che ancora ad oggi non è stato messo in sicurezza, nonostante un cittadino denunci tale situazione”.

Print Friendly, PDF & Email