Distretto Turistico Pescaturismo e Cultura del Mare. Fabio Nicosia eletto presidente

Vittoria, 01 giugno 2015 – Riceviamo e pubblichiamo le dichiarazioni stampa del neo presidente del Distretto Turistico Pescaturismo e Cultura del Mare, Fabio Nicosia:

Comunico che il 28 maggio 2015, in seguito a votazione dei membri del Consiglio Direttivo (V. Patanella, A. Macaluso, P.Roccapalumba, G. Callea), sono stato eletto Presidente del Distretto Pescaturismo e Cultura del Mare.
La gestazione dei distretti è stata lunga e complessa. Dal 2005 con la soppressione delle aziende provinciali e di quelle autonome per il turismo sembrò affiorare una volontà politica nuova: lo sviluppo turistico ed economico del territorio attraverso una vocazione omogenea che non tenesse necessariamente conto dei confini geografici delle vecchie province, ormai superati, unitamente al riconoscimento di un ruolo programmatico delle imprese private, prime fra tutti ad avere conoscenza  dei problemi specifici e delle esigenze dei mercati, ma l’Assessorato Regionale  si è ‘avvitato’ in una serie infinita di interpretazioni di norme. Io ne  ho seguito i diversi momenti da Consigliere provinciale componente della IV commissione e da presidente della commissione Cultura dell’URPS ,spesso rilevando che alle possibilità di intercettare i fondi europei si sarebbero manifestate  criticità derivanti da una proposta Sicilia  frastagliata e disomogenea, oltre ai ritardi accumulati. Ho collaborato con l’allora assessore  al turismo di Vittoria Luciano D’ Amico per aderire  assieme ad altri  importanti comuni siciliani ad un distretto turistico tematico del mare e della pesca ( Delibera di adesione del C.C. di Vittoria n.106 del 24/11/2011) .
Il Distretto Turistico Pescaturismo e Cultura del Mare è l’unico distretto turistico siciliano che interviene sulle politiche turistiche legate al mare. Il mare oggi rappresenta 80% dei flussi turistici della Sicilia stimati in 13 milioni di presenze. Attualmente ne sono soci 12 comuni, che rappresentano la totalità della costa da oriente ad occidente, (Cefalù, Comune capofila e sede legale del D.T.;  Vittoria; Terrasini; Isola delle Femmine; Santa Croce Camerina; Trappeto; Balestrate; Pozzallo; Augusta; Ustica; Petrosino; Pachino) con un valore di oltre 17.000 posti letto che ne fa uno dei più significativi della Sicilia.
Nella prossima programmazione  europea i distretti turistici sono i potenziali interlocutori per accelerare e facilitare la spesa che in questa attuale ha avuto enormi difficoltà. Questa possibile evoluzione dei distretti li renderebbe interlocutori per somme pari ai 400.000 milioni destinati al turismo.
Il distretto turistico è comunque, in quanto organismo pubblico, nella condizione di intercettare e ridistribuire risorse, sulla base di una progettualità coerente con le attività turistiche e di promozione del territorio.
La gratuità della carica assunta non significa che l’impegno sarà limitato, anzi mi sono immediatamente attivato per accelerare il più possibile i tre progetti in essere  e realizzare  entro due mesi la personalizzazione degli uffici informazione di Santa Croce Camerina ( Punta Secca) , Pozzallo, Vittoria ( Scoglitti) , Augusta, Pachino ( Marzamemi),  la realizzazione di pacchetti turistici e la relativa attività di comunicazione e marketing, la realizzazione di un sito web commerciale, e di un sito web istituzionale.
In una seconda fase lavoreremo insieme agli altri membri del Direttivo per allargare la base dei Soci del Distretto .
Sono inoltre  intenzionato a creare subito un forte raccordo della progettualità e delle attività con il Distretto Turistico degli Iblei e con i Gac ricadenti nei territori dei Comuni del Distretto“.

Print Friendly, PDF & Email