Elezioni Palermo: il Popolo con Leoluca Orlando mentre qualche sondaggista……..

Lasciamo agli scienziati dei sondaggi fantasiosi e pilotati a loro piacimento ed occupiamoci dei fatti reali della città di Palermo.
Cinque anni fa Leoluca Orlando dopo avere sfiorato la vittoria al primo turno diventava di nuovo ed a furor di popolo Sindaco di Palermo e trovava una situazione contabile molto vicina al default.
Per i primi anni di amministrazione la Giunta Orlando è stata, quindi, prigioniera di una situazione amministrativa complessa e con tutti gli sforzi di un “Buon Padre di Famiglia” è riuscita ad evitare il disastro economico con conseguenze nefaste sia per i cittadini che per i dipendenti comunali e delle Aziende Municipalizzate.
Il salvataggio è avvenuto e dopo di ciò si è amplificato lo sguardo sulle prospettive future di questa città, diventata negli ultimi anni, metropolitana.
Sicuramente Palermo come peraltro tanti comuni dell’isola non sono stati beneficiati da un Governo regionale che sicuramente non ha brillato principalmente per essere stato guidato da una Persona che ha dimostrato di agire più con le parole che con i fatti concreti.
Le innovazioni della Giunta Orlando in materia di mobilità sicuramente tardive la città capoluogo di Regione hanno portato approvazioni da parte della comunità ma anche forti avversità da parte di alcuni cittadini.
Ma ciò non significa che i palermitano hanno voltato la faccia al proprio Sindaco.
La competizione sembra difficile e complessa per la presenza di tanti candidati ma nessuno dispone la sfera di cristallo per affermare che Orlando può vincere al primo turno oppure sarebbe sconfitto clamorosamente.
Leoluca Orlando si presenta questa volta alle consultazioni forte di un’ampia coalizione, con candidati la cui moralità sarà preventivamente filtrata, con un programma innovativo che terrà conto del riconoscimento accordato alla città di “capitale italiana della cultura per il 2018”. Ci sono tutti gli elementi utili per affermare che lasciando da parte gli astiosi fantasiosi e tenendo in alta considerazione l’amore dei cittadini verso il Professore, proseguirà l’amministrazione Orlando per altri cinque anni.
A proposito di sondaggi. Ricordiamo perfettamente quelli del 2012 e tra questi quelli che decretavano che Orlando non sarebbe neanche andato al ballottaggio. A questo punto c’è da fare solo qualche risata su qualche sondaggio odierno, ahahaha…

Print Friendly, PDF & Email