Firmato protocollo intesa tra Questura di Catania e la sezione provinciale dell’Ente Nazionale Sordi

CATANIA – È stato firmato stamane il Protocollo d’intesa locale tra la Questura di Catania e la sezione provinciale dell’Ente Nazionale Sordi catanese per l’avvio del nuovo servizio Emergenza Sordi.
Il Questore Marcello Cardona e il Presidente provinciale E.N.S. Filippo Isca hanno suggellato un accordo che da oggi permetterà ai cittadini catanesi non udenti di potersi interfacciare con l’importantissimo servizio di emergenza pubblica 113.
La Questura arricchisce, così, il ventaglio di servizi al cittadino, scendendo in campo al fianco di una fascia debole della cittadinanza che, fino ad oggi, riscontrava un’oggettiva difficoltà nel richiedere l’assistenza della Polizia di Stato in situazioni critiche.
Il sistema di comunicazione, fortemente voluto dal dott. Cardona, si rifà alle indicazioni di massima contenute in un Protocollo nazionale stipulato tra l’Amministrazione della Polizia di Stato e l’E.N.S. e prevede l’utilizzo da parte dell’utente di un’applicazione gratuita, SOS sordi, che “gira” sui moderni tablet e smartphone con sistema operativo Android o IOs e può essere scaricata dai relativi Store.
Dopo l’istallazione, l’utente dovrà obbligatoriamente settare l’applicazione inserendo alcuni dati personali (quali numero telefonico, indirizzo email ecc.) nonché l’indirizzo di posta elettronica della Questura di Catania: emergenzasordi.quest.ct@poliziadistato.it.
Una volta completato l’inserimento dei dati personali e l’indirizzo di posta elettronica della Questura di riferimento, il programma mette a disposizione una serie di tasti per altrettante emergenze: LADRI IN CASA, AGGRESSIONE/RISSA, RAPINA A MANO ARMATA, VIOLENZA SU DONNE, SUICIDIO E VIOLENZA SU MINORE.
Cliccando sulla tipologia di situazione rappresentata che più corrisponde all’emergenza da segnalare la mail verrà inviata ai server dell’E.N.S. che provvederanno a “girarla” all’indirizzo della Questura. È importante inserire correttamente i dati richiesti dall’applicazione perché sono le uniche informazioni di cui dispone l’operatore 113 per identificare immediatamente il richiedente.
Ovviamente, l’indirizzo di P.E. emergenzasordi.quest.ct@poliziadistato.it potrà essere utilizzato dalle persone non udenti per segnalare le emergenze anche in modo “classico”, cioè scrivendo un testo in cui si descriva la situazione pericolosa.
La richiesta d’emergenza giungerà direttamente alla postazione dell’operatore 113 della Sala operativa che provvederà a smistare l’intervento all’operatore radio per l’immediato invio della Volante e di quant’altro necessario.

Print Friendly, PDF & Email