Giorgio Stracquadaini (CNA): “Futuro officine autoriparazione vede grandi cambiamenti”

Giorgio Stracquadaini (CNA): Il futuro delle officine di autoriparazione vede già ora grandi cambiamenti legati alle profonde e radicali innovazioni dell’auto: auto elettriche, car sharing, guida autonoma, muteranno la mobilità dei cittadini.

A partire dal 2022 tutti i veicoli di nuova immatricolazione dovranno essere dotati dei sistemi di assistenza alla guida e le autofficine dovranno essere attrezzate a contrastare la nuova tendenza delle case costruttrici: monopolizzare il mercato dei servizi del dopo vendita. Per fare questo servono nuovi modelli organizzativi. Questa consapevolezza è già emersa da tempo tra gli autoriparatori della nostra provincia, cominciano a nascere strutture di aggregazione che non tengono più conto della competizione tra officine ma si rifanno alla collaborazione. Grazie agli stimoli della CNA e la caparbietà di alcuni autoriparatori è già attiva e operante dal 10 ottobre una rete a Vittoria, la “AGS Rete Imprese”, registrata presso tutte le case automobilistiche dell’UE con accesso ai loro portali e relative credenziali. Alla AGS hanno aderito oltre a diverse officine di Vittoria anche autoriparatori di Acate, Comiso, Santa Croce, Niscemi e Grammichele Un’altra rete si sta formando a Comiso, Animatore della AGS è stato l’imprenditore del settore, Giuseppe Fatuzzo di Vittoria. La CNA ha a cuore la continuità delle imprese che associa e continuerà a promuovere questo modello d’impresa anche negli altri territori della provincia. Per tanto ha sviluppato, in collaborazione con Quattroruote Professional, il progetto SET-UP, per poter individuare i fabbisogni del settore autoriparazione e accompagnare gli operatori nel rispondere a quella che rappresenta una vera e propria mutazione della mobilità.

Print Friendly, PDF & Email