Grido di dolore del parroco di Augusta: “Qui l’inquinamento uccide più della mafia e nascono bambini malformati”

Don Palmiro Prisutto, parroco di Augusta, ha lanciato un accorato allarme intervenendo questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Don Palmiro lancia l’allarme per  Augusta. Un allarme legato al polo petrolchimico che riguarda la provincia di Siragusa: “Qui c’è una situazione di degrado ambientale tra le più gravi in tutta Europa, anche se nessuno ne parla. Abbiamo contato oltre 800 morti di cancro ma nessuno parla perché c’è un ricatto occupazionale per il quale la gente pensa che sia meglio morire di cancro che di fame. Non c’è solo la questione del cancro, poi. Nascono anche bambini malformati, ogni anno, sempre più spesso. Io mi sono accorto di questo dramma celebrando i funerali. Le cause di morte sono sempre le stesse: 2 su 3 muoiono di cancro. Siamo sottomessi a questa forma di ricatto, ma è inaccettabile morire per dover lavorare. Ho scritto una lettera al ministro Lorenzin e al Presidente della Repubblica. Devono venire ad Augusta a rendersi conto di che tipo di realtà esiste qui. Se il problema sanitario di Augusta non viene risolto, noi siamo destinati a morire tutti. Venga qui a vivere per un mese il ministro Lorenzin, venga a vedere in che condizioni siamo, in che tipo di inquinamento viviamo, qui nel cuore dell’aria industriale”.

Don Palmiro sta cercando di creare una nuova coscienza tra i suoi concittadini: “I morti per inquinamento sono molti più di quelli della mafia. Il polo petrolchimico rappresenta uno dei più gravi attentati della storia, qui ad Augusta. I morti causati dall’inquinamento sono incredibilmente di più rispetto a quelli della mafia. L’inquinamento uccide più della mafia, qui ogni famiglia piange almeno uno o due morti per colpa delle industrie petrolchimiche. Qualche tempo fa la Curia ha chiesto addirittura le mie dimissioni, ora per fortuna le cose pare siano rientrate. Io qui do fastidio a molti, gli interessi toccati sono forti, nel polo petrolchimico stanno catechizzando gli operai dicendogli che c’è un prete ambientalista che vuole fargli perdere il lavoro, ma non è così”.

Print Friendly, PDF & Email