Gucciardi incontra le associazioni delle persone con il diabete: La Federazione Diabete Sicilia incassa un primo risultato

Sono arrivate da tutta la Sicilia le Associazioni delle persone con diabete: tanti bambini accompagnati dai genitori e tantissime persone. Chi indossava cappellini rossi, chi magliette con il logo della propria Associazione, chi proiettava verso l’alto striscioni ma tutti uniti nel rivendicare i propri diritti davanti alla sede dell’Assessorato alla Salute che ha sede a Palermo. La giornata era calda, davvero molto calda, ma il sole cocente non ha minimamente scoraggiato i manifestanti pronti a qualunque sacrificio pur di dare voce ai loro problemi.

Una delegazione composta, per lo più, dagli esponenti del direttivo regionale a cui si è unito il presidente di Agd Sicilia, capitanata dal presidente della FDS, ha incontrato nella prima mattinata, i dirigenti dell’ufficio di gabinetto e alcuni funzionari mancava per impegni istituzionali invece l’Assessore Gucciardi.

I componenti della  delegazione hanno posto l’attenzione su una serie di problematiche che riguardano la condizione delle persone con diabete nella Regione siciliana a partire da:  dall’inattività dell’Istituzione rispetto alla creazione di un accordo quadro riguardo l’acquisto dei Device innovativi come i microinfusori, già chiesta in Commissione Regionale, in modo da evitare perdita e spreco di risorse finanziarie e disparità di trattamento terapeutico del soggetto diabetico siciliano tale accordo potrebbe riguardare anche le strisce reattive per l’autocontrollo glicemico, e tutti i dispositivi (aghi, pungidito ecc.),  dal momento che la Sicilia ha una spesa media tra le più elevate d’Italia con spreco di preziose risorse economiche  da un lato e limitata quantità di strisce a disposizione  del paziente dall’altro, compromettendo l’equilibrio metabolico individuale.  Altra istanza, fortemente voluta dalla associazioni dei pazienti, quella che riguarda la carenza, nel Servizio Sanitario regionale, di  posti letto nei centri di riferimento e i pochi  ambulatori diabetologici pediatrici nel territorio regionale.

Tuttavia l’argomento più rilevante è stato quello relativo ai nuovi dispositivi per la misurazione della glicemia, sensori di nuova generazione, che migliorano la qualità della vita alle persone con il diabete. Infatti già nel novembre 2016, in occasione della Giornata mondiale del diabete, incontrando le Associazioni, l’Assessore Gucciardi, aveva assunto l’impegno di erogare   i nuovi sensori, in distribuzione, nel giro di qualche settimana. Impegno che a tutt’oggi, purtroppo, non è stato ancora mantenuto. Lo Staff dell’Assessorato ha risposto alle istanze della delegazione con affermazioni e dati interessanti ma risolutive per soddisfare le richieste fatte dalla delegazione dei Presidenti. L’incontro si è chiuso con un impegno dello Staff a rivedersi tra un paio di settimane per riferire le novità che saranno adottate dall’esponente del governo on.le  Gucciardi.

La conclusione dell’incontro, proposta dallo Staff dell’Assessore, non è piaciuta alle tante Associazioni presenti che hanno preteso, con determinazione, che l’Assessore venisse di presenza a dialogare con loro. Dopo una breve attesa l’Assessore si è presentato all’affollata assemblea disponibile ad accogliere le istanze dei presenti è stato particolarmente colpito dall’intervento di una giovane ragazza, Graziella, che ha esposto come un giovane con diabete  non debba essere costretto a passare la sua giornata non solo convivendo con la sua patologia ma costretto a recarsi in Assessorato per richiamare l’attenzione delle istituzioni sui propri  diritti, «vorrei essere a casa a studiare, o in giro con i miei amici e non qui a farle queste richieste» ha detto, intervenendo Graziella. L’assessore con grande sensibilità ha promesso che nell’arco di due settimane il problema dei nuovi sensori sarà sicuramente risolto.

La Federazione Diabete Sicilia vigilerà sui tempi annunciati dall’Assessore alla Salute senza abbassare la guardia e pronta a ripartire con altre azioni energiche nel caso in cui la promessa non sarà mantenuta.

Print Friendly